3 ragioni per cui i trader forex professionali fanno soldi

3 ragioni per cui i trader forex professionali fanno soldi

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Forex
Ultimo aggiornamento:
13 novembre 2014



1. Gli operatori professionali non spendono tanto tempo ad analizzare i mercati.

Forse pensate che il mercato non viene analizzato ‘abbastanza’ o che si ha bisogno di più tempo per leggere più notizie economiche in maniera da fare soldi in modo coerente… possiamo quasi assicurare che il forex non risponde a questo caso. Possiamo anche quasi assicurare che probabilmente si spende più tempo analizzare e a pensare ai mercati della maggior parte degli operatori professionali. I commercianti esperti sanno quale sia il loro margine di negoziazione e semplicemente analizzano i mercati nei loro momenti preferiti, cercando tale margine di negoziazione al fine di commerciare. Pensate a questo: perché stai seduto sprecando il tuo tempo se non c’è margine di negoziazione? Forse non hai la certezza di cosa sia tale margine di negoziazione?

2. Gli operatori professionali commerciare ciò che vedono, non quello che pensano o che vogliono che accada.

Molti commercianti si fanno prendere dal “gioco” del forex e diventano fissati su un particolare movimento del mercato stesso vedendo delle opportunità anche dove in realtà non ci sono. Questo, naturalmente, li induce a fare cose stupide. Gli operatori professionali capiscono che non sanno mai per certo ciò che il mercato sta per fare, quindi non diventano mentalmente o emotivamente legati ad alcuna particolare distorsione direzionale. Semplicemente, usano le loro capacità di lettura di azione sul grafico per determinare la direzione più logica del mercato a breve termine e quindi cercano delle configurazioni dell’azione dei prezzi che sia d’accordo con essa. Se non si vede nulla di ovvio che possa soddisfare le linee guida del piano di trading non operano nel mercato, ma vanno giocare a golf, leggono un libro, vanno in palestra e tanto altro… l’unica cosa che non fanno è fare trading solo perché hanno razionalizzato non vedono delle opportunità.

3. Gli operatori professionali non fanno molto affidamento sugli indicatori.

Gli indicatori non solo condizionano il modo di agire, ma anche quello di pensare. La maggior parte dei trader passa attraverso una evoluzione in cui si parte alla ricerca del “Santo-Graal”, cercando ogni sistema di trading o indicatore, salvo poi rinunciare o cominciare a semplificare la strategia di trading. Pensi i trader pro guardino il MACD, lo Stocastico o altri indicatori? Ovviamente no, loro stanno leggendo il prezzo e fanno trading fondamentalmente con il prezzo, null’altro, non si lasciano guidare in maniera sbagliata dagli indicatori, che possono essere fuorvianti in una maniera che, da novizi, non ci si rende conto.

Lascia un Commento