Altri indicatori Forex che puoi usare da casa, parte 2

Altri indicatori Forex che puoi usare da casa, parte 2

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Lavorare da Casa col Forex
Ultimo aggiornamento:
15 febbraio 2012



Andiamo avanti con i nostri articoli sugli indicatori forex che si possono usare per fare trading da casa. Il tasso di variazione è un oscillatore che misura la velocità della dinamica del mercato in base al periodo di osservazione. Il tasso di cambiamento è molto simile all’indicatore Momentum, nel senso che mette a confronto il prezzo attuale con il prezzo di un determinato numero di periodi antecedenti, tuttavia il tasso di cambiamento è calcolato in modo diverso. Dove il Momentum sottrae il prezzo corrente dal prezzo di un determinato numero di periodi fa, il tasso di cambiamento, in inglese noto come Rate of Change, divide il prezzo attuale per il prezzo di un determinato numero di periodi fa e poi moltiplica il risultato per 100.

Il Relative Strength Index, noto anche come RSI, è stato sviluppato da J. Welles Wilder ed è stato introdotto nel suo nuovo libro, Concepts Trading Systems. L’RSI calcola la differenza di valore tra i punti di chiusura del periodo di osservazione. Questi valori sono mediati con una media che viene calcolata per i periodi superiori. Inoltre viene calcolato un valore medio basso per i periodi di minimo. La media alta è divisa per la media bassa al fine di creare la forza relativa. Infine, la forza relativa è messa nella formula del Relative Strength Index per produrre il valore finale dell’oscillatore, che varia da un minimo di 0 e un massimo di 100.

Si tratta di due ottimi indicatori che possono essere usati anche un unione tra di loro, in maniera da poter avere una decisione presa nel modo più preciso possibile. Sicuramente usare questi due indicatori ci permette di capire in maniera più chiara come potranno muoversi le valute in futuro, il che automaticamente di permette di aprire e di chiudere posizioni più precise e con meno errori.

Lascia un Commento