Analisi del 24 ottobre: i dati della Cina sono più deboli, attesa per gli USA

Analisi del 24 ottobre: i dati della Cina sono più deboli, attesa per gli USA

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Analisi Valute
Ultimo aggiornamento:
24 ottobre 2013



Oggi grande attenzione va rivolta alla Cina e alla lettura del PMI, inferiore al previsto, nella zona euro. EURUSD ha colpito il massimo da due anni a quota 1,3822 nel mattino di oggi, ma non è riuscito a estendere a causa della debolezza dei dati economici. In Cina, i colloqui in merito all’accettazione delle più grandi banche della cancellazioe del debito hanno aumentato le tensioni sulla liquidità. Nel pomeriggio l’attenzione si sposterà negli USA, con la bilancia commerciale di agosto e i dati dei lavori settimanali.

PMI dell’euro-zona più debole

Data la forza delle letture PMI della zona euro per il mese di aprile 2013, il consolidamento dei dati di ottobre non è stato troppo sorprendente. Secondo i dati preliminari del mese di ottobre, l’indice manifatturiero e quello dei servizi rischiano di registrare una più lenta espansione per questo mese, con l’attività manifatturiera francese che dovrebbe contrarsi più velocemente. La debolezza dei numeri PMI ha spazzato via i guadagni del mattino per la coppia EURUSD.

Tecnicamente, la tendenza rialzista prende slancio. Il prossimo livello chiave è 1,3833 ( 61,8 % del ritracciamento di Fibonacci del calo dal 2011 al 2012 ), mentre ulteriori resistenze si trovano sopra i livelli di 1.3850/80 . Date le condizioni di ipercomprato, una correzione dovrebbe entrare in gioco nel breve periodo, anche se la tendenza più ampia resta al rialzo.

Qui Cina

La Cina si sta dirigendo verso una forte ristrutturazione, con le azioni orientali che sono state vendute a causa delle aspettative di crescita più lenta che continuano a preoccupare gli investitori. L’Hang Seng e lo Shanghai Composite hanno chiuso a +0,71 % e a +0,86 % rispettivamente.

Fortunatamente, però, non solo non aveva cattive notizie dalla Cina. La lettura del PMI ha puntato verso una espansione più veloce del previsto nel settore manifatturiero per il mese di settembre (50,9 contro le attese di 50,4 e un valore di 50.2 per la scorsa volta). I dati di supporto, in qualche modo, alleviano le tensioni sui mercati dei cambi. È interessante notare che la reazione istintiva legata alle turbolenze dovuta alla liquidità cinese hanno limitato l’Aussie.

AUDUSD

Questa coppia di valute si trova su valori di 0,9760 e 0,9607, per lo più a causa delle prese di profitto a livello di ipercomprato che sono stati allarmanti. La coppia si trova entro le bande di Bollinger e l’indice di forza relativa è sceso al 64,60 %.

Nota rapida sulle aspettative della Fed

Con una chiara traiettoria discendente per il mercato del lavoro degli Stati Uniti e il rallentamento del mercato immobiliare, le aspettative per il taglio del QE da parte della Fed vanno a marzo 2014.

Lascia un Commento