AUD colpito dalla disoccupazione, martellata sul TRY

AUD colpito dalla disoccupazione, martellata sul TRY

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Analisi Valute
Ultimo aggiornamento:
16 gennaio 2014



Il grande passo nei mercati asiatici è stato legato dai più deboli dati del previsto sull’occupazione di dicembre. AUD/USD è crollato sotto 0,8821 fino a 0,8790. L’occupazione totale australiana è scesa di 22.600 contro l’aumento di 10.000 previsto. Inoltre, i dettagli sottostanti sono aggiuntivi al non favorevole momento per l’impiego a tempo pieno, sceso a 31.600 nel mese. La prima lettura di novembre è stata rivista al ribasso mostrando un modesto guadagno di 15.400 contro un aumento previsto a 21.000, con la stragrande maggioranza della debolezza data dal lavoro a tempo pieno. Infine il tasso di partecipazione complessivo è sceso al 64,6 %, che ha consentito al tasso di disoccupazione di rimanere stabile al 5,8 %.

Diminuisce la velocità di crescita australiana

Questi numeri deludenti sono solo parte di una crescente evidenza che la crescita australiana sta decelerando, a causa principalmente dello spostamento della strategia di crescita da parte della Cina. La domanda proveniente dalla Cina era stata l’unità di base per i pesanti investimenti nel settore minerario australiano negli ultimi anni. Eppure, come la Cina sposta l’accento dalla produzione alla domanda interna, la necessità di materie prime è scesa. Con una mancanza di esportazioni in Cina, la posizione del conto corrente australiano è indebolita in modo significativo. Questo ha messo la RBA in una posizione difficile. La velocità di taglio potrebbe sostenere la crescita e indebolire ulteriormente l’AUD (che guadagnerebbe competitività). Tuttavia, il rischio è che il mercato immobiliare in forte espansione abbia chiaramente raggiunto le proporzioni di una bolla.

La lira turca è martellata

La lira turca ha iniziato la giornata in modo aggressivo. USD/TRY ha colpito il massimo storico a 2,2124, EUR/TRY è scambiato a 3,0128. Sorprendente, questa vendita non è altro che la continuazione del continuo scandalo di corruzione che ha colpito il paese. Le ragioni politiche non sono chiaramente il soggetto principale di questa relazione, ma l’impatto pesante sulla lira turca è di grande interesse.

Tecnicamente, USD/TRY si trova alla verifica all’inizio canale rialzista ed è comodamente in zona di ipercomprato. Tuttavia, i fattori tecnici rischiano di restare lontano, ma anche se essi danno segni di esaurimento, riteniamo che la lira è destinata a rimanere sotto pressione di vendita. Nel breve periodo però, le posizioni di copertura e di presa di profitto dovrebbero portare ad alcune posizioni lunghe in favore di TRY. La situazione politica irrisolta presenta una forte asimmetria per la TRY, con le alte volatilità che sono in grado di spostare il cross di una coppia di cifre su base giornaliera. I commercianti devono essere cauti.

Lascia un Commento