AUD estende i guadagni, PFN in Focus

AUD estende i guadagni, PFN in Focus

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Borse
Ultimo aggiornamento:
7 marzo 2014



Gli Stati Uniti pubblicheranno i dati dei lavori alle 13:30 GMT di oggi. Il consenso generale è la continuazione della debolezza nel mercato del lavoro a causa delle condizioni climatiche difficili che gli Stati Uniti hanno attraversato negli ultimi mesi. Per una lettura morbida sopra 110.000, la reazione del mercato dovrebbe rimanere limitata, solo una delusione considerevole dovrebbe rilanciare le speculazioni che la Fed potrebbe fare un passo indietro dal suo programma di taglio del QE. D’altra parte, una migliore lettura di quanto previsto dovrebbe confermare la fede della Fed nella ripresa statunitense e spingere i rendimenti a 10 anni degli Stati Uniti di nuovo sopra il 61.8 % di Fibonacci a 2,75 %. In Australia, AUD estende i guadagni con la RBA che mantiene la politica invariata nel mese di marzo.

L’AUD è sopravvalutato?

La Reserve Bank of Australia ha mantenuto il relativo obiettivo di tasso di contanti invariato al minimo storico di 2,50 % nella riunione di politica di marzo. La RBA ha ribadito che il corso prudente è la stabilità dei tassi e ha ribadito che l’AUD rimane alto per gli standard storici. Abbiamo deciso di esaminare il valore dell’Aussie da una diversa angolazione per rispondere alla seguente domanda: ​​l’AUD è sopravvalutato?

Per fare la valutazione del valore di una moneta, in questo caso l’AUD, l’azione più rilevante è senza dubbio quella di filtrare i partner commerciali, quindi esaminare la valutazione relativa tra il paese ispezionato e le sue controparti commerciali. A questo proposito, abbiamo costruito un Trade Weighted AUD Index, denominato TW – AUD Index, per renderci conto di quanto sia diventato forte il dollaro australiano negli ultimi anni. Questo indice è costruito per tenere metodicamente in considerazione la portata dei servizi commerciali dell’Australia con i rispettivi partner, la variazione delle relazioni commerciali con gli anni e, ovviamente, il valore dell’AUD in termini di valore. Il periodo di riferimento è il gennaio 2000, che ha un valore di 100.

Ecco la conclusione dello studio

La conclusione del nostro esercizio ha confermato le preoccupazioni della RBA per quanto riguarda un forte AUD. L’indice TW -AUD ha raggiunto il suo massimo livello di 140.60 ad aprile 2013, in contemporanea con il picco AUD/JPY a 105,112. Il forte ribasso dello yen sottolinea in modo chiaro e solleva preoccupazioni sulla forza dell’AUD. Dopo tutto, il Giappone rappresenta circa il 20 % del volume totale del commercio dell’Australia.

In questa fase, il governatore Stevens punta a 85 centesimi contro USD, ma su base commerciale ponderata tale differenza sarebbe insignificante.

Lascia un Commento