BCE, critiche ed indipendenza

BCE, critiche ed indipendenza

Scritto da:
The Economist
Categoria:
BCE
Ultimo aggiornamento:
17 ottobre 2009



Continuiamo l’approfondimento che abbiamo iniziato la scorsa volta sulla BCE entrando più nel dettaglio delle sue funzionalità ed anche degli strumenti che solitamente usa per poter raggiungere i suoi obiettivi. Per prima cosa, però, diciamo che il capitale della BCE è stato sottoscritto dalle banche centrali degli altri paesi europei. Tra i paesi zona Euro che hanno sottoscritto la maggior parte del capitale, possiamo vedere la banca centrale tedesca, con il 18%, la Banca centrale francese, con il 14%, e la Banca d’Italia, che invece ha sottoscritto una quota pari al 12%.

La BCE viene inoltre criticata sostanzialmente per due diversi aspetti. Il primo è legato al concetto di independenza, mentre il secondo al concetto di politica dei tassi.

Si parla dunque di indipendenza per indicare che la Banca Centrale Europea è totalmente libera dal controllo delle istituzioni. Nasce, infatti, come una vera e propria banca centrale. Nonostante la BCE nasce a seguito di una decisione politica presa a livello europeo, la BCE opera praticamente in maniera indipendente dalla politica.

Proprio questa indipendenza da alcuni viene considerata come poco democratica, dunque vengono a volte criticate le decisioni che la BCE prende affermando, ad esempio, che gli obiettivi presi sono molto lontani da quelli di cui i cittadini europei hanno effettivamente bisogno.

Relativamente al concetto di politica dei tassi, inoltre, si pensa che i tassi che la BCE usa sono inappropriati. L’obiettivo della banca, secondo alcuni, sarebbe quello di controllare l’inflazione senza considerare altri obiettivi, come ad esempio il tasso di disoccupazione oppure la stabilità dei tassi di cambio.

Quali sono gli strumenti con cui la BCE opera? Si parla di operazioni di mercato aperto, di operazioni con le quali gestisce in maniera sistematica e giornaliera la liquidità del mercato e di modifiche al coefficiente di riserva obbligatorio che ogni banca deve avere con sé.

Lascia un Commento