BCE, le banche non chiedono prestiti, parte 2

BCE, le banche non chiedono prestiti, parte 2

Scritto da:
The Economist
Categoria:
BCE
Ultimo aggiornamento:
11 febbraio 2012



Sono passati due anni da un’ondata senza precedenti di salvataggi che ha coinvolto il governo e la banca centrale di ogni stato, oltre che gli istituti finanziari negli Stati Uniti e in Europa. La situazione attuale mostra come le banche rimangano ancora molto sensibili ad essere bollate come beneficiarie del salvataggio. Tali timori hanno il potenziale di minare l’efficacia dei vari salvataggi finanziari, anche se le banche forti non ne prenderanno parte.

Il fatto che le banche più grandi non hanno mai preso soldi dal governo rende, da un punto di vista della reputazione, in maniera molto attraente verso nuovi clienti. Lo ha detto Josef Ackermann, amministratore delegato della Deutsche Bank, spiegando agli analisti la scorsa settimana perché la banca tedesca non prende in prestito denaro dalla BCE.

Ackermann ha detto che la Deutsche Bank è ancora segnata dall’esperienza di prestiti dalla Federal Reserve, che si è avuta nella prima fase della crisi finanziaria del 2008. I regolatori degli Stati Uniti hanno incoraggiato le banche a prendere in prestito denaro sotto il manto della riservatezza, ma quando le identità delle banche sono state successivamente comunicate dalla Fed, i destinatari sono stati visti come banche fallimentari.

Altri dirigenti della banca hanno espresso delle opinioni simili. Nel Regno Unito, la Financial Services Authority ha incoraggiato le banche a prendere in prestito denaro dalla BCE, anche se il regolatore ha chiarito che la decisione era delle singole banche. L’obiettivo della FSA, condiviso anche da altri regolatori europei, è stato quello di promuovere un ampio uso della sua struttura.

Un certo numero di banche britanniche, tra cui Barclays, Standard Chartered PLC e Lloyds Banking Group PLC, hanno optato per non prendere in prestito denaro dalla BCE.

Parte del motivo per cui alcune banche non prendono denaro in prestito è che non hanno bisogno di fondi.

Lascia un Commento