BCE, oggi è il grande giorno

BCE, oggi è il grande giorno

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Analisi Valute
Ultimo aggiornamento:
5 giugno 2014



La Banca d’Inghilterra e la politica della Banca centrale europea daranno il loro verdetto alle 11:00 GMT e alle 11:45 GMT rispettivamente. La BoE dovrebbe mantenere il suo tasso ufficiale di sconto invariato al minimo storico dello 0,50 % e gli acquisti stabili nell’obiettivo a GBP 375 miliardi. La decisione della BoE dovrebbe risultare in un non-evento. Tuttavia, le aspettative sulla BCE sono molto affollate e rischiano di innescare qualche azione di prezzo al momento della decisione e durante la conferenza stampa di Draghi.

La politica della BCE darà il verdetto alle 11:45 GMT, seguita dalla conferenza stampa del presidente Draghi alle 12:30 GMT. I mercati valutano in in circa 15 punti base il taglio del refi principale e dei tassi marginali di credito, mentre di 10 punti base c’è la riduzione dei tassi passivi.

Ecco a cosa fare attenzione.

1. Rischio disinflazione / deflazione. Data la morbidezza delle stime di inflazione di maggio, la BCE può rivedere verso il basso le sue prospettive a medio periodo di inflazione. Questo scenario dovrebbe aumentare la probabilità di un QE simile a quello della Fed per sostenere la liquidità e aumentare l’inflazione interna tramite l’attività sostenuta.

2. I problemi non risolti nel meccanismo di trasmissione. In altre parole, ci riferiamo a inefficienti canali del credito bancario, nel caso specifico LTRO  mirato ad acquisti nella fase anteriore.

3. La forza dell’euro. Questo ultimo punto è un po’ delicato dato che sappiamo che i tassi forex non sono l’obiettivo principale della BCE. Tuttavia, il recente aumento di EUR / USD verso 1,4000 ha costretto Mario Draghi a intervenire dicendo che i tassi forex sarebbero un input importante nella decisione della BCE. Naturalmente, non stiamo parlando di un intervento diretto, ma di un potenziale taglio dei tassi della BCE.

Una cosa è certa: gli operatori devono essere pronti a vedere alte volatilità in entrambe le direzioni. Dato il livello importante di speculazioni di mercato che riguarda la riunione di oggi. La BCE deve attivare un significativo spostamento verso il basso di EUR nel complesso. Tuttavia, le prime due soluzioni non sono direttamente negative per l’euro. Un sostegno della BCE al sistema finanziario dovrebbe far scattare l’entusiasmo nei confronti dei vari operatori. Detto questo, potremmo ritrovarci che la BCE deciderà solo di tagliare il tasso in maniera non adeguata per innescare un significativo taglio dell’euro. Dato che è il tasso di rifinanziamento principale è allo 0,25% già, un taglio di 15bp dei tassi sui depositi non dà una considerevole flessibilità di azione.

Lascia un Commento