Che effetti ha la recessione sulle valute

Che effetti ha la recessione sulle valute

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Forex
Ultimo aggiornamento:
14 febbraio 2013



Si parla tanto di recessione, una cosa importante da sapere è legata agli effetti che essa ha sulle valute e sul mercato del forex. Su scala globale, si tendono a favorire la valute di economie che non sono recessione, dato che esse sono percepite come sicure e protette. Questo perché gli investitori vogliono tenere i loro soldi al sicuro, dove non c’è rischio e dove ci sono poche possibilità di perderlo a causa di investimenti che falliscono. Esempi di valute percepite come stabili sono il dollaro statunitense, lo yen giapponese e il franco svizzero.

Queste valute sono rifugi sicuri perché appartengono a delle economie grandi e stabili, inalterate, in una certa misura, dalle variazioni dei prezzi delle materie prime e del carburante. Negli ultimi diciotto mesi, la sterlina inglese ha guadagnato lo status di rifugio sicuro a causa della crisi del debito dell’Eurozona.

Che cosa succede esattamente ai tassi di cambio durante una fase di recessione? In breve, le valute percepite come rifugi sicuri guadagnano valore rispetto a quelle viste come più rischiose. Ad esempio, il disastro nucleare di Fukushima in Giappone ha fatto schizzare in alto lo yen giapponese contro un paniere di valute, dato che l’economia giapponese è consideraa un grande investimento e stabile. Allo stesso modo, è possibile ricordare che qualche tempo fa la Banca Nazionale Svizzera è stata costretta a bloccare il franco nei confronti dell’euro ad un tasso di cambio di 1,20 al fine di per prevenire gli ingenti afflussi esteri.

Nel caso di recessioni non globali, come quella che riguarda la specifica zona euro, i tassi di cambio tendono ad andare contro la valuta coinvolta in tale recessione. Quindi l’euro potrebbe scendere se la recessione dovesse peggiorare. In altre parole possiamo dire che se una economia è in calo, la sua valuta potrebbe soffrire contro le altre valute.

Lascia un Commento