Chi opera nel mercato dei cambi?, parte 2

Chi opera nel mercato dei cambi?, parte 2

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Forex
Ultimo aggiornamento:
29 dicembre 2010



Continuiamo a vedere quali sono le parti che danno vita al mercato del Forex. Le banche centrali intervengono per gestire il loro stock di monete e il denaro dello Stato. Le loro operazioni rappresentano tra il 5% e il 10% di tutti i volumi di negoziazione del forex. Essi possono inoltre intervenire per difendere la loro valuta e regolare il bilancio economico o finanziario.

I broker consentono ai privati di accedere al mercato forex trasmettendo gli ordini dei loro clienti alle banche commerciali o alle piattaforme di negoziazione, come ad esempio quelle di EBS, Reuters Dealing, HotSpot, FXall, ecc. Vengono pagati degli spread, ovvero una commissione su ogni transazione.

Inoltre, ci sono molti broker che operano come market maker; come le banche commerciali guadagnano uno spread se sono in grado di trovare un acquirente e un venditore al momento stesso . Se il market maker non trova un compratore o un venditore, allora cercherà di trarre profitto dal coprire le posizioni dei suoi clienti sul mercato interbancario.

Le multinazionali partecipano al mercato delle vlaute al fine di convertire i loro soldi durante le attività di importazione o di esportazione. Le loro operazioni rappresentano circa il 5% di tutte le operazioni forex a livello globale. Alcune aziende hanno anche i loro piani di traffico, con i commercianti che speculano per fare profitti e per ridurre i rischi connessi alle fluttuazioni del cambio.

Gli investitori privati sono stati di recente ammessi al mercato del forex trading e, grazie ad Internet, possono avere accesso in tempo reale ai tassi di cambio. Oggi, il volume delle transazioni compiute da questi soggetti ammonta ad oltre il 5% di tutte le transazioni forex. Il commercio di valuta ora è adatto a diversi tipi di investitori, che possono trarre profitto, proprio come gli investitori più grandi ed importanti, riuscendo a sfruttare adeguatamente l’applicazione e i principi di gestione del denaro.

Lascia un Commento