Come investire nelle valute dipendenti dalle commodities

Come investire nelle valute dipendenti dalle commodities

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Forex
Ultimo aggiornamento:
21 gennaio 2015



Il mercato valutario, o mercato del forex, è influenzato da molti fattori, tra cui l’offerta e la domanda di materie prime. I paesi che hanno forti legami economici con dei prodotti specifici hanno le valute che sono in grado di vedere i tassi di cambio fluttuare durante i periodi di volatilità dei prezzi delle materie prime. La speculazione in questo mercato può svolgere un ruolo importante nei prezzi di tali valute ed incidere anche pesantemente sul mercato del forex.

Il mercato del forex è uno dei mercati più liquidi al mondo, con possibilità di investire per 24 ore al giorno su cinque giorni alla settimana in totale. I beni negoziati nei mercati del forex sono indicati come coppie di valute, che mettono a confronto, lo sappiamo, la valuta di un paese con quella di un altro paese. Ad esempio, la coppia di valute USD / CAD pone di fronte il dollaro USA con quello canadese. A tal proposito, le materie prime come oro e petrolio (soprattutto quest’ultimo) hanno un’influenza anche forte sul valore della valuta canadese.

I paesi che sono altamente dipendenti dalle esportazioni di materie prime spesso vedono le loro valute fluttuare quando i prezzi di tali prodotti cambiano. Un altro esempio è la valuta del Brasile, il Real, che spesso vede una significativa volatilità durante i grandi cambiamenti di prezzo della soia. Il Brasile è uno dei maggiori esportatori mondiali di soia e le fluttuazioni dei prezzi di tale bene influiscono sui flussi di capitali da e verso quel paese.

La maggior parte delle materie prime come l’oro, il petrolio e i cereali sono denominate in dollari USA. Per acquistare grandi quantità di oro, l’acquirente prima deve cambiare la sua moneta locale in dollari USA e poi procedere. Quindi, un paese che importa grandi quantità di un prodotto specifico dovrà necessariamente acquistare una maggiore quantità di dollari, cosa che porterà ad un aumento del valore del “buck”. Ad esempio, se il prezzo del grano aumenta del 20 per cento, un paese che importa grano su base regolare avrà bisogno del 20 per cento in più dollari per comprarlo.

Gli investitori che speculano sui mercati forex e delle materie prime potranno cercare nuove opportunità di scambiare coppie di valute e materie prime che sono altamente correlate. Solitamente, tali valute e tali commodities si muovono in tandem e come tali devono sempre essere considerate. Sarebbe un errore voler investire nel dollaro canadese, ad esempio, e non considerare affatto il prezzo del petrolio.

Lascia un Commento