Come fare per trovare un punto di ingresso nel Forex Trading, parte 2

Come fare per trovare un punto di ingresso nel Forex Trading, parte 2

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Forex
Ultimo aggiornamento:
11 novembre 2014



Una volta che è stata presa la decisione di iniziare un commercio, la distanza dal punto di ingresso fino alla zona di stop loss diventa automaticamente il rischio per il commercio stesso. Il commerciante deve chiedersi se questo commercio ha valore fino allo stop loss stesso o meno. La questione diventa ancora più pertinente se si considera che nel caso in cui si verifichi uno slippage, lo stop loss può non essere sufficiente per limitare le perdite a causa dell’improvviso forte calo dei prezzi. Non bisogna lasciarsi ingannare a pensare che si tratta di un evento raro, perché a volte capita dopo il fine settimana. In questo caso, la dimensione del conto sarà in grado di resistere ad un tale evento, sia se esso si verifichi una volta che se si verifica più volte?

Nella scelta del giusto punto di ingresso occorre considerare anche il rapporto rischio-rendimento: il commerciante deve analizzare il grafico per vedere se il movimento previsto sarà almeno 2 volte questo fattore di rischio. Se il punto di ingresso è stato inserito al momento giusto, il rendimento dovrebbe essere tranquillamente superiore al rischio. Il minimo a cui un trader dovrebbe mirare, in termini di rapporto rischio-ricompensa, è di 1: 2. In altre parole, il rischio di un pip dovrebbe essere compensato dal guadagno di 2 pips.

I migliori punti di ingresso sono, considerando tutto quello che abbiamo detto in questo e nello scorso articolo:

  • appena al di sopra di una forte area di supporto, poiché ciò consente il posizionamento di uno stop loss sotto il supporto, in modo che un ritiro dei prezzi sarà rifiutato a tale livello
  • appena al di sotto dell’area di resistenza, poiché ciò consente il posizionamento di uno stop loss sopra la resistenza, in modo che una salita dei prezzi sarà rifiutata a tale livello

Questi scenari di supporto-resistenza abbondano sul mercato e possono trovarsi nelle zone di Pivot Point, in cui uno qualsiasi dei punti di pivot può servire come supporto o resistenza, nei pressi di importanti valori psicologici o ancora in corrispondenza dei punti di Fibonacci, che da sempre sono usati a tal fine.

Qualunque cosa tu faccia o comunque si decida di investire sul mercato, bisogna sempre assicurarsi che i punti di ingresso per posizioni lunghe siano vicini al supporto, mentre quelli per le posizioni short devono essere in prossimità di una resistenza. In questo modo, si dà poco al mercato e si può guadagnare di più.

Lascia un Commento