Consigli per fare forex da casa, il money management

Consigli per fare forex da casa, il money management

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Lavorare da Casa col Forex
Ultimo aggiornamento:
3 giugno 2013



Quali sono i trucchi per fare denaro nel forex da casa? Ma, soprattutto, ci sono dei trucchi per poter avere successo in questo mercato? Possiamo dire che non si parla di trucchi in sé, ma di buone abitudini che ogni trader può adottare per riuscire ad avere successo nel trading sul mercato delle valute.

La prima cosa che tutti i trader dovrebbero imparare a fare è riuscire ad avere dei buoni metodi di gestione del denaro. La maggior parte dei trader, soprattutto quelli novizi, non segue queste semplici regole, dato che alcuni vogliono solo diventare ricchi in fretta (attirati dalle promesse di guadagni teoricamente illimitati) con l’unico risultato di fallire e di non riuscire a generare profitti come si credeva di poter fare.

Le regole di gestione del denaro sono fondamentali per tutti, dagli hedge fund fino alle banche d’investimento, passando per i trader esperti e, ovviamente, anche per i novizi (forse per loro valgono ancora di più, dato che non sanno ancora come potersi comportare in specifiche situazioni del mercato).

Vediamo a questo punto un primo metodo di gestione del denaro nel mercato valutario, che mira a ridurre il rischio di ogni posizione che si apre. Quando si tratta di fare trading, il rischio legato ad ogni posizione dovrebbe essere portato al massimo al 2% dell’importo del proprio conto di trading. Quando si tratta di fare profitti nel mercato dei cambi, la prima cosa da guardare, prima ancora di porsi come obiettivo quello di fare soldi nel forex, è di proteggere il saldo del proprio conto. In questo modo si avrà un capitale sempre sufficiente per poter operare sul mercato.

La gestione dei rischi con obiettivo massimo 2% renderà meno rischioso fare forex. Facciamo un esempio pratico di questa affermazione dicendo che se un commerciante prende un rischio del 2% , nel caso in cui dovesse perdere per 20 volte consecutive, si ritroverebbe con un capitale residuo più basso del 30% circa, mentre se in ogni posizione dovesse assumere un rischio del 10%, e dovesse perdere per le stesse 20 volte consecutive, il capitale residuo sarebbe più basso del 90%.

Lascia un Commento