Cosa sono le richieste di sussidi di disoccupazione

Cosa sono le richieste di sussidi di disoccupazione

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Forex
Ultimo aggiornamento:
27 settembre 2012



Quando si parla di trading è importante tenere d’occhio alcuni dati fondamentali di particolare importanza, che possono avere una maggiore o minore influenza sul mercato delle valute. Tra di essi, sicuramente le richieste di sussidi di disoccupazione sono tra i più importanti. Si tratta di un dato, in inglese noto come Jobless Claims, che si rivolge al mercato USA, la più grande economia del mondo. Se si segue il forex e si investe nel mercato delle valute, guardando anche ai dati di carattere fondamentale, allora si sarà sicuramente sentito parlare di questo indicatore. Cerchiamo dunque di dare la definizione di “richiesta di sussidi di disoccupazione” per capire meglio cosa riguarda e come lo si può usare nel proprio trading.

Le frasi che solitamente si sentono sono del tipo “le richieste di sussidi di disoccupazione sono aumentate di 17.000 unità arrivando ad un totale di 551.000″, oppure le “richieste di sussidi di disoccupazione sono diminuite di 37 mila arrivando a 495 mila unità”. La “richiesta di sussidi di disoccupazione” si ha quando qualcuno chiede prestazioni di disoccupazione per la prima volta.

Negli USA, gli stati offrono 26 settimane di benefici per i nuovi disoccupati, ovvero coloro che non sono stati disoccupati e che stanno cercando un nuovo lavoro. Questi sussidi prevedono il pagamento, in media, di circa 300 dollari a settimana.

Se le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione sono in aumento, allora questo vuol dire che il lavoro è più difficile da trovare. Se invece le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione sono in calo, allora l’economia si sta rafforzando e dovrebbe di conseguenza scendere anche il numero dei disoccupati.

Se le previsioni del numero di richieste di disoccupazione è peggiore del previsto, allora il dollaro dovrebbe perdere terreno, se invece è migliore del previsto, allora il dollaro dovrebbe beneficiarne e dovrebbe salire come valore rispetto alle altre valute.

Lascia un Commento