Cos’è lo Swing Trading

Cos’è lo Swing Trading

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Forex, Tecniche Forex
Ultimo aggiornamento:
16 gennaio 2010



Lo swing trading è uno stile di negoziazione che è possibile mettere in pratica in diversi settori, come ad esempio quello azionario o nel Forex. Questo stile appartiene al grande gruppo dei maggiori stili di negoziazione, che sono il day trading, lo swing trading e il buy and hold trading.

Lo swing trading si trova nel mezzo di questi stili e per alcuni potrebbe essare la miglior soluzione in assoluto, a prescindere dal tipo di mercato in cui ci si trova ad operare. Andiamo a vedere come mai.

Nel day trading i trader aprono delle operazioni e le mantengono aperte solitamente per un periodo di tempo inferiore al giorno. Questo stile di negoziazione comprende anche lo scalping, molto popolare tra alcuni trader. Il buy and hold trading, invece, consiste nell’aprire delle posizioni e nel tenerle aperte per diverse settimane, se non anche per mesi.

Lo swing trading comporta generalmente il tenere aperta una posizione per un periodo che va da 1 a 4 giorni e in genere sempre meno di una settimana. Alcuni mercati sono più adatti per lo swing ed il Forex è uno di questi, ricordando che è importante scegliere la giusta coppia di valute per fare swing trading.

Come è possibile fare swing trading? Solitamente questa tipologia di trading comporta l’apertura di una posizione nella direzione del trend principale. In generale non si fa mai swing trading contro il trend principale. Dato che le posizioni sono tenute aperte per oltre un giorno, di solito si guarda ai grafici con time frame superiore ad 1 ora.

Ci sono molti modi diversi un trader swing potrebbe aprire un’operazione. La prassi più comune è quella di aspettare il ritracciamento del prezzo prima di entrare in un trend. Dunque l’ingresso nel mercato è basato sul rimbalzo del prezzo. Dopo essere entrati nel trend si tende a seguire la direzione del trend principale.

Lascia un Commento