Crisi finita per la borsa?

Crisi finita per la borsa?
Redazione

Scritto da:
Redazione
Categoria:
Borse
Ultimo aggiornamento:
14 marzo 2009



Settimana positiva per Piazza Affari, i mercati sembrano pronti a ripartire e ad effettuare un’inversione di tendenza. Proprio in questi giorni sono state buttate le basi per un’imminente inversione di trend.
La seduta di ieri si è chiusa in lieve ribasso (S&P/Mib -0,84% e Mibtel -0,40%), dopo essere arrivata a guadagnare il 2%, ma ha perso sul finale influenzata dall’avvio di Wall Street. Dopo due sedute caratterizzate da importanti rialzi, gli operatori sottolineano il carattere meramente speculativo degli scambi e di conseguenza la volatilità dei mercati. Piazza Affari fa quindi rimanere gli speculatori per il week end con il fiato sospeso, in attesa di vedere l’apertura di lunedì mattina.
Borsa trainata dai titoli bancari principalmente in avvio di seduta grazie alle buone notizie giunte ieri da Bank of America. UNICREDIT, che, secondo un sondaggio Reuters, potrebbe non centrare completamente le previsioni di utile 2008 a 4 miliardi, è scesa dell’1,93%. BANCO POPOLARE ha terminato in rialzo del 2,93%.
In picchiata ENEL -7,23%, a seguito della speculazione degli investitori che dopo i guadagni di questi giorni hanno preferito realizzare. Giornata molto pesante per LUXOTTICA in calo dell’8,14%: il mercato non ha gradito la mancata distribuzione del dividendo e della scelta dell’amministratore delegato di non stabilire una linea guida per quest’anno. Giornata negativa anche per gli altri titoli del lusso, GEOX ha perso il 5,19% e BULGARI il -1,68%.
Molto positvo in mattinata, FIAT , che ha cambiato direzione nella seconda parte della giornata, chiudendo con una flessione dell’1,04%. Differente discorso per Autogrill che ha registrato un nuovo incremento di 6,81% facendo ancora leva sui risultati del 2008 comunicati giovedì.
Reverberi Erica

Lascia un Commento