Dollaro debole in attesa della FED

Dollaro debole in attesa della FED

Scritto da:
The Economist
Categoria:
FED
Ultimo aggiornamento:
24 novembre 2009



Sappiamo che uno dei concetti di analisi fondamentale che è in grado di influire pesantemente sull’andamento delle valute Forex è sicuramente il tasso di interesse. Se questo è troppo basso, ci sono degli effetti negativi sulla valute del paese di riferimento, dato che non c’è convenienza per gli investitori internazionali acquistare quella determinata valuta, dunque ci si rivolgerà ad altri mercati. Per questo motivo, una delle cause che stanno determinando una debolezza del dollaro contro le altre principali valute mondiali è sicuramente anche il fatto che la Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, ha impostato da diversi mesi ormai i tassi di interesse al minimo storico.

Nella giornata di ieri il dollaro si è indebolito ancora in attesa delle dichiarazioni relativamente allo stato dell’economia americana da parte della banca centrale USA e dopo che un portavoce della banca stessa ha affermato che ci si attende che i tassi di interesse rimarranno bassi ancora per lungo periodo.

Secondo James Bullard, il presidente della Federal reserve di St.Louis, la sede centrale della FED dovrebbe continuare a stimolare l’economia oltre il termine massimo previsto, altrimenti si rischia di non riuscire ad uscire in tempi ragionevoli dalla crisi economica, che già ha fatto molti danni.

Intanto, in Europa si sta già pensando alle exit strategies, dato che lo stesso presidente della Bce, Jean Claude Trichet, ha affermato che nel medio periodo bisogna guardare al ritiro delle misure di stimolo che fino a questo momento sono state date al mercato.

Ovvimante, l’euro ha preso ancora valora contro il biglietto verde. Staremo a vedere come si comporteranno le valute durante i prossimi giorni, considerando anche il fatto che il dollaro non può scendere sempre e che la FED deve in qualche modo operare per il rilancio dell’economia americana e per la messa in pratica delle exit strategies.

Lascia un Commento