Euro e sterlina in trend ribassista, attenzione al NZD

Euro e sterlina in trend ribassista, attenzione al NZD

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Analisi Valute
Ultimo aggiornamento:
18 novembre 2013



La settimana inizia con una notizia di supporto dalla Cina, con i mercati finanziari che fanno aumentare gli scambi commerciali su larga base. Prima di oggi, EUR/USD è stato scambiato a 1,3518, mentre il cable ha colpito quota 1.6149 per la prima volta dal 28 ottobre. In Australia, si aggiunge forza all’AUD, nonostante le imminenti minute della RBA (previste per domani) e il discorso del governatore Stevens (previsto per giovedì). In mancanza di grandi eventi ci aspettiamo che i mercati dei cambi possano entro un certo range per tutto il giorno.

Questa settimana : EUR e GBP

La settimana inizia con una nota positiva per EUR e GBP , con uno spostamento tecnico che vale la pena di commentare. EUR/USD è andata oltre la resistenza chiave a 1.3500, tra l’avanzo delle partite correnti non destagionalizzato aumentato per la zona euro, da 12 miliardi di euro fino a 14 miliardi di euro. Tecnicamente, EUR/USD si rafforza all’interno della fase correttiva rialzista. In mancanza di dati economici significativi (le letture PMI di giovedì), ci aspettiamo una più profonda correzione di una chiusura sopra 1,3550. Per la coppia di valute EUR/JPY manteniamo la nostra prima resistenza a 135.51 e crediamo che il consolidamento dei guadagni ad un prezzo superiore a 135,00 dovrebbe aprire la strada a ulteriori salite.

Qui sterlina, sia cable che euro

Il cable ha iniziato la settimana con una manifestazione del prezzo di 1,6149 seguito da una rapida discesa sul profit-taking. Un ulteriore rialzo dovrebbe essere correttivo ed attivato ​​per una chiusura sopra 1,6158, secondo il trend di breve termine e gli indicatori di momentum. Saranno le minute della riunione della BoE, rilasciate mercoledì, a far fronte alle aspettative del mercato e a sostenere l’andamento della sterlina inglese.

Per seguire con EUR/GBP continuiamo a mantenere la nostra visione ribassista. All’interno del canale ribassista da luglio a novembre potremmo posizionare il nostro prossimo obiettivo a 0,8300. Per i prossimi giorni, le barriere di opzione sono poste sotto 0.8400/10, mentre le fermate si trovano sopra 0.8450.

Rischio Aussie

Il guadagno dell’AUD contro tutte le altre valute, eccetto NZD, ha significativamente migliorato il sentimento di rischio legato al movimento dovish della Fed. Importante per questa valuta la Cina, che è impegnata ad applicare il più grande pacchetto di riforme economiche dal 1990. Le nuove misure sono importanti e prevedono delle riforme strutturali, come ad esempio quelle che mirano ad eliminare la politica del figlio unico, ad aumentare gli investimenti privati ​​nelle industrie controllate dallo stato e l’espansione dei diritti della terra in favore dei contadini.

Lascia un Commento