Finlandia: pronti a lasciare la zona euro se dovesse servire

Finlandia: pronti a lasciare la zona euro se dovesse servire

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Economia mondiale
Ultimo aggiornamento:
7 luglio 2012



La Finlandia si impegna ad essere un membro della zona euro e pensa che l’euro è utile per il paese, ma considerando la situazione della zona euro stessa, il paese si dice pronto a tutti gli scenari. Il ministro delle finanze finlandese ha sottolineato che il suo paese, uno dei pochi paesi europei a godere ancora di una tripla A nel rating del credito, non sarebbe d’accordo ad un modello di integrazione in cui i paesi sono collettivamente responsabili per i debiti degli Stati membri. Ha anche insistito sul fatto che un sindacato bancaria non funzionebbe se fosse basato sulla responsabilità congiunta. La responsabilità collettiva per il debito degli altri paesi, per l’economia e per i suoi rischi, non è una cosa a cui il paese è preparato.

Il paese si dice costruttivo e vuole risolvere la crisi, ma non a qualsiasi condizione. Come parte della dura presa di posizione, la Finlandia ha detto che inizierà i negoziati con la Spagna la prossima settimana al fine di ottenere delle garanzie in cambio di una presa di parte nel piano di salvataggio per le banche spagnole che sono in difficoltà. La Finlandia ha inoltre espresso una grande preoccupazione per l’accordo raggiunto nel vertice di Bruxelles della scorsa settimana, con il quale si vuole utilizzare il meccanismo europeo di stabilità per acquistare obbligazioni al fine di alleviare gli oneri finanziari che stringono la Spagna ed altre economie vulnerabili. L’anno scorso la Finlandia aveva creato un blocco significativo verso il passaggio del secondo pacchetto di salvataggio alla Grecia, accettando di partecipare solo dopo aver raggiunto un accordo collaterale con Atene nel mese di ottobre 2011.

La situazione della zona euro inizia a non stare più bene neanche internamente ai vari stati, qualche occorre fare in maniera urgente, ma che cosa faranno i leader dei paesi?

Lascia un Commento