Forex e popolarità

Forex e popolarità

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Forex
Ultimo aggiornamento:
9 aprile 2009



Verso la fine dello scorso anno è scoppiata la crisi economica e finanziaria che ancora ha degli “strascichi” su tutto il mondo. Sin dagli inizi di questa crisi e di questo rallentamento economico, il trading sul Forex è stata una delle forme di investimento più utilizzate in tutto il mondo, grazie soprattutto alla capacità di generare profitti anche quando il mercato è in perdita.

Nonostante le azioni e gli indici fossero in costante calo durante il 2008, facendo trading con il Forex era possibile in qualche modo beneficiare, economicamente, di questa situazione. C’è anche chi pensa che il 2008 sia stato addirittura uno dei migliori anni per fare trading con il Forex.

Quei trader che sono stati in grado di riconoscere velocemente i cambiamenti nei trend hanno sicuramente tratto vantaggio da questa situazione, sicuramente in maniera maggiore rispetto a chi ha preferito spostare i propri risparmi verso investimenti a minor rischio e, di conseguenza, meno redditizi.

Questi sono i principali motivi che hanno reso il Forex molto diffuso e conosciuto durante il 2008 e che, ogni giorno, lo rendono un mercato entusiasmante.

Dato che le valute vengono commercializzate a coppie, una delle due sta sempre traendo profitto dal rapporto di cambio. Se una delle due valute perde valore, significa che l’altra ne sta guadagnando. Pertanto, “scommettendo” sulla valuta che guadagna, è possibile avere degli interessanti profitti.

Ad esempio, nel rapporto di cambio tra euro e dollaro ci sono stati degli andamenti altalentanti. Il dollaro ha prima perso molto nei confronti del dollaro, per poi riguadagnare parte di questo terreno perso. In emtrambe i casi sarebbe stato possibile trarre profitto da operazioni Forex. Dollaro.

Per poter capire su quale valuta bisogna puntare occorre sicuramente analizzare il mercato e il trend attuale. Ricordiamo sempre che il consiglio generalmente valido è quello di seguire il trend.

Lascia un Commento