Forex, guardare dietro gli indicatori

Forex, guardare dietro gli indicatori

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Forex, Tecniche Forex
Ultimo aggiornamento:
7 aprile 2011



Abbiamo parlato nello scorso articolo degli indicatori, dicendo che l’etichetta di un indicatore non è importante. Ciò che è importante è la natura del movimento del prezzo che sta dietro ad esso. Usando le medie mobili, molti diranno che, poiché il prezzo è superiore alla media a 50 periodi, oppure perché il valore 10 EMA è al di sopra del valore 20 EMA, hanno individuato una tendenza rialzista del mercato. In questi casi si applica una etichetta, ovvero quella di trend rialzista. E questo è tutto, fine della storia. Non ci sono corrispondenze da controllare. Il mercato è in una tendenza rialzista, dunque si aprono delle posizioni long.

Guardando oltre il “trend rialzista” per vedere come il prezzo si muove davvero ci può permettere di vedere la forza o la debolezza interna della tendenza. Dunque possiamo avere una panoramica circa il dubbio o l’avidità dei partecipanti al mercato, ovvero coloro che creano l’azione dei prezzi.

Non stiamo dicendo che non si devono controllare gli indicatori, solo bisogna riconoscerli per quello che sono, ovvero una approssimazione al mercato.

Se si vuole migliorare il proprio modo di fare trading, potrebbe essere necessario guardare dietro al modello, guardare dietro agli indicatori, guardare oltre l’etichetta e vedere che cosa il prezzo sta realmente facendo.

Se la volatilità del movimento dei prezzi sta cambiando, che cosa vuol dire? Se il momentum aumenta o diminusce, che cosa vuol dire? Se il ritmo di questo movimento è maggiore di quello precedente, che cosa vuol dire?

Altre domande da farsi sono se il ritmo del movimento attuale ha la stessa direzione del precedente, come bisogna prendere in considerazione i processi di pensiero e la psicologia dei trader, guardare a dove stanno cercando di uscire e dove stanno andando.

Nel prossimo articolo andremo avanti con il parlare di questo argomento, mettendo in evidenza la psicologia degli operatori.

Lascia un Commento