Forex per principianti: cosa sono le major

Forex per principianti: cosa sono le major

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Lavorare da Casa col Forex
Ultimo aggiornamento:
10 giugno 2013



Il trading è una modalità di investimento che può essere davvero difficile e rischiosa. Prima di poter avere successo occorre sapere che c’è molto da imparare per chi è nuovo del mercato. Vediamo una interessante guida per chi è digiuno di questo mercato, al fine di capire come poter operare al meglio.

Iniziamo dal comprendere quali sono le principali valute del mondo e perché sono così importanti. In primo luogo, si parla sicuramente del dollaro USA, “la” moneta di riferimento mondiale. Questa valuta non solo è quella negoziata per la maggiore, ma è anche quella di riferimento per valutare le altre monete. Ogni valuta principale viene accoppiata con l’USD per darci una “coppia di valute“. Le major comunemente note sono il EURUSD, GBPUSD, USDJPY, USDCHF, USDCAD e AUDUSD.

Ci si potrebbe chiedere perché queste valute sono considerate “major” quando altre economie, come il Brasile, la Cina e il Pakistan, sono chiaramente più grandi di molte di quelle che si trovano in questa lista. La ragione è che le major del forex non sono determinate dalla grandezza delle rispettive economie, ma sono considerati tali le valute più liquide e commerciate. Insieme, queste principali coppie di valute rappresentano infatti la grande maggioranza delle attività di commercio di valuta al mondo.

Alcuni paesi, inoltre, non hanno i prezzi delle valute fluttuanti, nel senso che il loro valore è ancorato o fissato a qualcos’altro, come ad esempio il dollaro USA o l’oro. Altre valute hanno invece troppe restrizioni sul movimento delle rispettive monete per poter essere inclusi in questo gruppo di valute. Quindi, le major sono le valute da prendere in considerazione quando si vuole fare trading sul mercato valutario. Esse hanno in comune dei governi stabili, delle valute liberamente “fluttuante“, dei tassi di interesse ragionevoli e non hanno, al contrario, alcuna restrizione valutaria.

Lascia un Commento