Forex, questa è la settimana dei tassi di interesse per l’Europa

I tassi di interesse nel mercato delle valute sono uno dei dati più importanti da tenere in considerazione per cercare di prevedere correttamente l’andamento di una data coppia di valute. Questa settimana la zona euro vedrà la pubblicazione dei nuovi tassi di interesse sia da parte della banca centrale inglese che da parte della BCE. Sia il primo che il secondo annuncio sono attesi per giovedì.

Relativamente al Regno Unito, nonostante i dati recenti, migliori del previsto, la Banca d’Inghilterra rimane ancora favorevole ad un quantitative easing. Anche se non è molto probabile che esso sarà annunciato nella riunione di dicembre, non creerebbe tanta sorpresa se la banca prendesse la scelta di ampliare, nel corso del primo trimestre del 2013, di altri 50 miliardi di sterline le dimensioni del programma di acquisto, soprattutto se l’economia dovesse volgere al peggio. Tuttavia, per il momento, la banca centrale probabilmente mantenerrà lo status quo e manterrà il suo tasso di interesse di riferimento invariato allo 0,50%. Fino a quando la Banca d’Inghilterra continuerà a rimanere ai margini del QE, la sterlina dovrebbe rimanere come una valida alternativa ad altre valute.

Relativamente alla zona euro, invece, che è nuovamente ufficialmente in recessione a causa di due trimestri consecutivi di contrazione del PIL (parliamo del secondo e del terzo trimestre), la domanda che ci si fa è “quanto tempo passerà prima che la Banca centrale europea metta in piedi una nuova forma di allentamento della politica monetaria”, come ad esempio un altro taglio dei tassi. Considerando che la situazione nella nostra zona economica è ben lungi dall’essere guarita e che la crescita ancora non si vede, è normale che i responsabili della BCE potranno decidere di affrontare la situazione con una decisione importante nel corso del primo trimestre del 2013. Nel frattempo, l’euro continuerà a sentire la pressione, soprattutto se ci sarà un taglio dei tassi.

Questa voce è stata pubblicata in Economia mondiale e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento