Gli indicatori (2°parte): Il Parabolic Sar

Gli indicatori (2°parte): Il Parabolic Sar
Redazione

Scritto da:
Redazione
Categoria:
Grafici Forex
Ultimo aggiornamento:
20 aprile 2009



Abbiamo esaminato un indicatore (il MACD), vediamo oggi un indicatore di trend o più utilizzato come indicatore di cambio di posizione: il Parabolic Sar.

PARABOLIC SAR: (cioè Stop and Reverse Parabolic) è il mezzo che viene utilizzato per individuare il punto di inversione del trend; quando tale punto viene raggiunto, è opportuno invertire tendenza e chiudere la posizione nella quale si sta scambiando e aprirne una nuova. E’ stato sviluppato da J. Welles Wilder, inventore anche dell’indice RSI. Il parabolic sar è più un indicatore di “cambio di posizione”. Si definisce una posizione lunga uno stato in cui il prezzo è sopra la parabolic sar, mentre una posizione corta quando il prezzo è sotto. Un ulteriore consiglio fornito da Wilder è di adottare in caso positivo solo una posizione lunga, mentre in caso di trend negativo solo una posizione corta. Esaminiamo alcuni termini utilizzati in questo indicatore:

EXTREME POINTS: (Punti Estremi): è il prezzo massimo raggiunto da un titolo in un periodo lungo e il prezzo minimo raggiunto in un periodo corto.

SIGNIFICANT POINTS: (Punti Significativi): è il prezzo massimo di chiusura raggiunto da un titolo in un periodo lungo e del prezzo minimo di chiusura raggiunto in un periodo corto. Tiene in considerazione quindi, i prezzi di chiusura.

ACCELLERATORE: è un coefficiente moltiplicativo che viene usato nella formula ma che anch’esso varia in funzione dell’andamento dei prezzi.

La formula per il calcolo del Parabolic Sar(PSAR) è la seguente:
PSAR(t) = PSAR(t-1) + A*(EP-SAR(t-1))
dove A è l’ Accelleratore, EP è l’extreme point della giornata precedente.

Reverberi Erica

Lascia un Commento