Grecia, altri due anni per raggiungere gli obiettivi di bilancio

Grecia, altri due anni per raggiungere gli obiettivi di bilancio

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Economia mondiale
Ultimo aggiornamento:
13 novembre 2012



I ministri della zona euro hanno dato Grecia alla due anni in più per lottare contro il deficit di bilancio, impegnandosi a colmare le lacune di finanziamento che sono necessarie al fine di mantenere il paese nella moneta unica. Il primo ministro del Lussemburgo, Jean-Claude Juncker,  ha parlato in una conferenza stampa parlando delle prospettive per l’erogazione degli aiuti alla Grecia. Dunque ora la Grecia ha fino al 2016 per ridurre il suo deficit di bilancio e portarlo al 2 per cento del prodotto interno lordo. Oltre a questo, il paese avrà anche il denaro necessario per pagare i debiti.

La Grecia è stata premiata per aver fatto grande parte di quello che doveva fare, ha adottato un ambizioso programma di riforme e un budget per il 2013 che è impressionante. L’euro ha in ogni caso perso terreno ed è sceso al minimo da due mesi contro il dollaro statunitense, perdendo questa mattina lo 0,2 per cento. Le borse europee sono inoltre scese per il quinto giorno di seguito.

Il direttore del FMI, Christine Lagarde, ha contestato la decisione dai capi della zona euro di rinviare l’obiettivo di portare il debito greco ad un livello “sostenibile” del 120 per cento del PIL entro il 2022. Secondo la Lagarde, infatti, la sostenibilità del debito della Grecia deve essere misurato nel 2020. Il paese si trova in recessione per il sesto anno di seguito.

Economicamente e politicamente l’impegno europeo ha segnato una vittoria per il primo ministro greco Antonis Samaras. In una relazione presentata ai ministri si sono lodati i tentativi da parte della Grecia di mettere in pratica delle misure di risparmio notevoli, che tuttavia hanno creato dei problemi sociali dato che nei giorni scorsi oltre 15.000 persone hanno protestato davanti al parlamento di Atene.

Il futuro per la zona euro è ancora grigio, ma è con passi come questi che si possono rimettere le rotaie sui binari.

Lascia un Commento