Grecia, ora bisogna dimostrare di meritare gli aiuti

La Grecia non ha molto tempo per attuare le riforme e dimostrare ai suoi creditori che riuscirà a portare a termine il suo programma di austerità. Lo ha dichiarato Ewald Nowotny, membro del Consiglio direttivo della Banca centrale europea. Egli ha detto che “la Grecia non ha molto tempo e che il paese avrà bisogno di denaro entro la fine di luglio. Bisognerà quindi prendere una decisione in merito alla prossima tranche di aiuti”.

Per poter accedere al denaro e continuare a rimanere in una situazione di solvibilità, la Grecia deve riprendere il processo di riforme, ma soprattutto deve convincere i creditori della sua stabilità. E’ importante infatti dimostrare che la gravità della situazione è stata afferrata e che ora il paese è pronto a fare qualcosa. Bisogna inoltre considerare che in tutto questo il paese non sarebbe da solo, ma l’Unione europea sarebbe pronta per fornire un grande aiuto. Il Paese ha bisogno di riavviare i colloqui con la cosiddetta troika, ovvero i rappresentanti dell’Unione europea, del Fondo Monetario Internazionale e della BCE, dato che tutto è stato fermato mentre il paese era alle prese con le votazioni, che si sono risolte solo domenica scorsa con la vittoria di Nuova Democrazia.

Il programma di austerità della Grecia è una delle condizioni fondamentali per poter ricevere altri aiuti. Ma non bisogna dimenticare che il paese è chiamato anche a mettere in piedi delle misure per la crescita, come i prestiti alle piccole e medie imprese, fondamentali per rilanciare l’occupazione e la produzione, oltre che il consumo interno.

Ora si attende il G20 del Messico, in cui uno dei punti principali all’ordine del giorno sarà quello della situazione europea e greca in particolare. I politici sono invitati e prendere delle decisioni concrete, non solo un ipotetico impegno futuro. Bisogna fare qualche cosa oggi.

Questa voce è stata pubblicata in Economia mondiale e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento