I grafici KAGI (2°parte)

I grafici KAGI (2°parte)
Redazione

Scritto da:
Redazione
Categoria:
Grafici Forex
Ultimo aggiornamento:
13 maggio 2009



Abbiamo visto come i grafici Kagi rappresentano, con linee di colore differente (verde e rosso), l’andamento dei prezzi di un certo indice, valuta o titolo.

Dal punto di vista operativo, possiamo analizzare un approccio che consiste nel cogliere i segnali ogni volta che il grafico cambia colorazione: questa è la tecnica del break out. Un altro approccio punta ad aprire una nuova posizione quando c’è una variazione di spessore della linea e di chiuderle quando viene superato il punto centrale della linea precedente.

Prima di agire viene consigliato di fissare un valore di reversal, che può essere determinato in valore percentuale o in valore numerico; tale valore avrà la funzione di fare da argine prima che un movimento sbagliato dei prezzi ci fornisca segnali falsi.

E’ una fase critica ma importantissima la scelta di tale valore; scegliere un valore troppo piccolo porta ad un’attività molto nervosa e, al contrario stabilire un valore di reversal troppo grandi, ci farà disegnare grafici stupendi, ma poco attendibili.

Ricordiamo come un grafico è un’informazione visuale che rappresenta dati numerici e indicazioni relative al movimento dei prezzi in un certo arco temporale. I grafici sono sicuramente di grande aiuto per chi vuole avere una visione immediata del mercato, ma il grafico deve essere significativo e ben strutturato.

Reverberi Erica

Lascia un Commento