I mercati tornano in attività rischiose

I mercati tornano in attività rischiose

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Analisi Valute
Ultimo aggiornamento:
18 agosto 2014



La sporgenza dei dati misti economici e delle tensioni geopolitiche che emulano per l’Ucraina stanno dando le attività di risk-on sperimentali. Alla fine della scorsa settimana i timori per il rischio sono diventati troppo forti per gli investitori che si sono spostati verso rifugi sicuri. I mercati azionari si sono sviluppati invertendo i precedenti guadagni della settimana. Negli Stati Uniti, le azionari dei settori dell’energia sono andate bene illustrando questa ampia rotazione di sicuro rifugio. Forse gli investitori azionari non stanno puramente liquidando le scorte ma scendendo da altre posizioni e muovendosi verso posizioni difensive di portafoglio. Le obbligazioni sovrane di alta qualità e l’oro hanno completato il rally del sicuro rifugio. La volatilità è in aumento, come il VIX è salito a 14,94 sui rapporti che l’Ucraina ha attaccato una colonna corazzata russa sul suolo ucraino, mentre la confusione circonda il convoglio di aiuti umanitari sponsorizzati da parte della Russia. Le azioni tedesche sono diventate molto sensibili a qualsiasi sviluppo per quanto riguarda la Russia. Questa correlazione è stata evidenziata da un rapporto di notizie di venerdì scorso corrispondente al crollo del DAX. Le interruzioni  geopolitiche delle forniture di fronte agli eventi in Iraq e Russia hanno spinto il Brent dai minimi a 3 mesi, con le preoccupazioni sulla crescita globale che continuano a pesare sull’energia. L’inizio delle tensioni della settimana nei punti chiave di rischio sono diminuite leggermente, che dovrebbe consentire alle attività rischiose di recuperare, ma noi non prevediamo alcun raduno significativo. Siamo ribassisti sui paesi con debole tendenza inflazionistica, come CHF e EUR, oltre che le valute delle materie prime.

Yellen e Jackson Hole

Al di fuori della situazione in Ucraina, gli investitori si concentreranno sul discorso del presidente della Fed, Yellen, al Jackson Hole Symposium (10:00 di Venerdì EST) con la Yellen che si concentrerà sul discorso della “rivalutazione delle dinamiche del mercato del lavoro.” Più l’altro momento clou della settimana, le minute di luglio del FOMC, dovrebbero fornire indicazioni sulla visione della Fed sul mercato del lavoro degli Stati Uniti. La Yellen sente ancora che il ritmo veloce della creazione di posti di lavoro come privo di indicazioni e quindi non ha fretta ad alzare i tassi. Le aspettative del mercato per il percorso di politica della Fed non sono così dovish come erano all’inizio dell’estate, in modo che i commenti suggeriscono una ulteriore mancanza di preoccupazione per l’inflazione negativa per l’USD. Abbiamo il sospetto che la Fed sta sottovalutando la pressione del prezzo generata dalla disoccupazione.

Lascia un Commento