I più grandi errori del forex, il grado di rischio di ogni posizione

I più grandi errori del forex, il grado di rischio di ogni posizione

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Lavorare da Casa col Forex
Ultimo aggiornamento:
21 novembre 2011



Aumentare il grado di rischio che si corre con ogni operazione. Se si mantiene il livello di rischio al 4% massimo, si dovrebbe essere in grado di fare trading per lungo tempo. Tuttavia, molte persone non lo fanno, iniziano a diventare galvanizzate quando hanno i primi guadagni, quando aprono una serie di posizioni positive e pensano che possa essere una cosa saggia aumentare il proprio grado di rischio.

Ma cosa succede quando una posizione porta ad un rischio maggiore? E’ probabile che la posizione finirà con l’essere negativa, facendo perdere soldi al trader. In teoria non c’è differenza tra una posizione che ha un rischio del 4% ed una posizione che ha un rischio del 40%, se non una grande tensione in più a carico di quest’ultima posizione e, purtroppo, con troppa tensione si corre il rischio di sbagliare.

Bisogna fare in modo di usare tutti i mezzi a propria disposizione per mantenere il grado rischio al 3% , in maniera da essere sempre pronti ad agire e in maniera da lasciarsi sempre la possibilità di aprire delle posizioni. Ancora una volta, questo discorso del grado di rischio fa parte della psicologia di un trader. L’avidità, l’eccitazione e la spesa dei profitti prima ancora di averli fatti, o ancora problemi come l’over trading sono molto comuni e si fanno semplicemente perché ci si sente in grado di rischiare molto. In realtà, questo è solo uno dei modi più veloci per finire i soldi nel proprio account. Basta una sola decisione sbagliata per chiudere il conto, basta essere consapevoli che può succedere. Per riassumere, si tratta di un errore legato all’essere avidi. La cosa importante da fare è quella di attenersi ad un piano di trading, dato che questo aumenta automaticamente la dimensione del conto e, a sua volta, fa aumentare la possibilità economica di ogni posizione.

Lascia un Commento