I più grandi errori del forex, non tenere un diario di trading

Un altro grave errore da evitare è quello di non avere un blocchetto in cui tenere traccia di tutte le transazioni che si fanno. Un buon modo per migliorare il proprio modo di fare trading per un trader è quello di tenere traccia dei propri commerci. In questo modo è possibile guardare indietro, durante il fine settimana e magari anche alla fine del mese, per valutare il proprio trading.

Un quaderno di trading ti permette di sapere cosa ha funzionato e cosa invece si può eventualmente rimuovere dalla tua strategia di trading. Bisogna annotare il prezzo di entrata e perché si è aperta una posizione proprio in quel punto. Occorre identificare lo stop loss e la quantità di ammontare del trading. Bisogna notare anche come una data posizione si sta sviluppando e come ti senti, ovvero che sentimenti provi durante il trading.

Bisogna poi rispondere a delle utili domande:

  • vuoi rimanere nel trading fino a quando non si raggiunge il livello massimo di profitto?
  • Sei entrato nella posizione all’inizio o quando il trend era già formato?
  • Che cosa fa innescare il tuo stop loss?

Annota anche il numero di pip che si sono fatti, sia in guadagno che in perdita. Questo aiuta a far crescere la tua fiducia, dato che si può guardare indietro e vedere gli eventuali progressi che sono fatti. Ogni trader commercia in modo diverso, dunque è fondamentale poter sviluppare una sorta di auto-consapevolezza. Con un diario di trading si possono più facilmente identificare i propri punti di forza e di debolezza.

Inoltre tenere un diario di trading in cui si annotano i più grandi errori di trading che si fanno ti permetterà di imparare da soli e di migliorare in maniera completamente autonoma. Gli errori sono un ottimo punto di riferimento da avere per migliorare la propria tecnica di trading.

Questa voce è stata pubblicata in Lavorare da Casa col Forex e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento