Il dollaro australiano potrebbe testare il minimo del 18 dicembre

Il dollaro australiano potrebbe testare il minimo del 18 dicembre

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Analisi Valute
Ultimo aggiornamento:
2 gennaio 2014



AUD/USD

Martedì scorso questa coppia di valute procedeva lentamente ad un livello superiore e ha testato la parte superiore della trend line di resistenza della formazione di un canale discendente sul grafico giornaliero. La coppia di valute, però, ha invertito in corrispondenza della zona di resistenza a 0,8950-0,8970, scendendo al di sotto del valore di 0,8900, probabilmente indicando una continuazione della tendenza discendente della coppia verso il re-test del minimo del 2013 a 0,8820, toccato il 18 dicembre scorso. Se la coppia di valute dovesse invece indebolirsi al di sotto dei minimi del 2013, la coppia di valute sembrerebbe continuare ad un livello inferiore verso 0,8770, zona caratterizzata dal minimo registrato ad agosto 2010 e più in basso verso l’area di supporto a 0,8670-0,8650, che rappresenta il 61,8 % del livello di Fibonacci dell’espansione e della trend line di supporto del canale discendente.

Al rialzo, il valore di 0,8950-0,8970 potrebbe continuare ad agire come resistenza immediata importante per la coppia di valute. Se la coppia di valute dovesse riuscire a spostarsi decisamente al di sopra della trend line di resistenza superiore del canale discendente, la coppia potrebbe estendere il recupero a breve termine verso l’area di resistenza a 0.9200, caratterizzata dal 61,8 % del ritracciamento di Fibonacci del movimento in salita dal 2010 al 2011.

NZDUSD

Anche dopo il grande movimento di lunedi e la forza seguente di martedì, la coppia non è riuscita a muoversi con decisione sopra 0,8230-0,8240, una forte zona di resistenza segnata dal 38,2 % del ritracciamento di Fibonacci del movimento in salita da agosto a ottobre e linea di tendenza superiore del canale discendente sul grafico giornaliero. Se la coppia dovesse riuscire a conquistare questa forte resistenza, segnando un break-out sopra il canale discendente, la coppia è destinata a continuare la sua mossa apprezzando verso il suo prossimo grande ostacolo vicino alla zona di 0,8420-0,8430, in coincidenza con i massimi testati a novembre 2013.

In alternativa, una debolezza si potrebbe avere decisamente al di sotto del supporto orizzontale da 0,8200-0,8180, che potrebbe innescare immediatamente una certa debolezza aggiuntiva per la coppia di valute verso 0,8120-0,8100, importante zona di supporto, composto dal 50% del livello di ritracciamento e dalla 200 giorni SMA. Inoltre, qualora la coppia di valute dovesse decisamente rompere al di sotto del forte supporto a 0,8100, la coppia potrebbe inizialmente puntare verso i valori di 0,8050 e 0,8040, valore di supporto orizzontale e quindi potrebbe essere vulnerabile a continuare il suo slancio verso il basso in direzione del test del prossimo livello di supporto importante, in prossimità del prezzo di 0,7950, area di supporto orizzontale breve termine.

Lascia un Commento