Il Forex e lo Scalping

Il Forex e lo Scalping

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Forex, Tecniche Forex
Ultimo aggiornamento:
27 febbraio 2009



Sappiamo che nel Forex è possibile aprire delle posizioni che si differenziano tra di loro, oltre che per la tipologia di valuta o di indice oggetto dell’operazione, anche per la durata della stessa. La durata di un’operazione si calcola dal momento in cui viene aperta, fino al momento in cui viene chiusa.

Solitamente, operazioni fino ad una settimana sono di breve periodo, quelle fino a due o tre mesi sono considerate di medio periodo e quelle oltre questo tempo sono di lungo periodo. Inoltre, se facciamo operazioni che chiudiamo il giorno stesso, stiamo facendo intraday. Se inoltre chiudiamo operazioni entro pochi minuti dall’apertura, allora si parla di scalping.

Lo scalping è un modo molto usato per poter guadagnare con il Forex. Il guadagno che deriva da ogni operazione è piccolo, ma considerato che in un giorno si aprono e si chiudono numerose operazioni, anche oltre le 40, ecco come il guadagno a fine giornata può diventare interessante.

Per poter fare scalping con successo occorre molta concentrazione e studio della situazione attuale. Bisogna saper entrare e uscire dal mercato nel momento esatto, dato che anche un solo secondo di ritardo potrebbe farci perdere un’interessante opportunità di guadagno.

Soprattutto per i trader meno esperti è consigliato fare scalping su un solo titolo per volta, per evitare eccessive distrazioni. Anche eseguire semplicemente due operazioni per volta riduce la concentrazione, quindi potremo chiudere delle posizioni in negativo e perdere denaro.

Lo scalping è una tecnica sicuramente adatta a chi ha “sangue freddo”. I vantaggi sono notevoli, anche dal punto di vista economico e di soddisfazioni personali.

L’importante è avere una piattaforma che non apra le posizioni con ritardo rispetto all’ordine immesso (ma praticamente tutte le piattaforme di broker on line fanno così) e una connessione ad internet che ci supporti, altrimenti saremo fuori “dai giochi”.

Lascia un Commento