Il Prodotto Interno Lordo, come usarlo nel trading, parte 2

Il Prodotto Interno Lordo, come usarlo nel trading, parte 2

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Economia mondiale
Ultimo aggiornamento:
31 maggio 2011



Il valore del PIL americano è rilasciato dal Bureau of Economic Analysis sia in termini reali che nominali. La differenza tra i due è che il primo valore è corretto in seguito agli effetti dell’inflazione. Il BEA rilascia anche il relativo indice dei prezzi del PIL, utilizzato in concorrenza sia con l’indice dei prezzi al consumo che il deflatore dei consumi personali come un indicatore dell’inflazione al consumo.

Come ogni altro dato economico importante, il rapporto del prodotto interno lordo ha molto peso per i trader. Se cresce indica che un’economia è produttiva, mentre se scende ne indica una contrazione. Di conseguenza, i trader tenderanno a cercare dei tassi più elevati di crescita del PIL oppure dei segnali forti che il PIL potrà muoversi in salita.

Se l’economia sta vivendo un buon tasso di crescita, i benefici saranno estesi al consumatore, aumentando le sue possibilità di spendere. A sua volta, un aumento della spesa porta ad un aumento dei prezzi, che le banche centrali tentano di domare attraverso gli aumenti dei tassi di interesse.

Anche se ci sono tre versioni del PIL, ovvero avanzato, preliminare e definitivo, quello che più conta è il rapporto tra i tre, non i singoli valori individuali. I professionisti del trading dunque si concentreranno su questo valore congiunto. Ma inoltre prenderanno in considerazione anche eventuali differenze quando si tratta di confrontare i dati avanzati con le letture preliminari e finali.

Ad esempio, una lettura finale del 1,5% di crescita, rispetto ad una versione precedente che indicava una crescita del 3,5% , indica che la situazione è peggiore del previsto. Una figura di crescita positiva è sempre positiva per l’economia, ma non quando il valore finale si trova al di sotto del valore atteso.

In uno dei prossimi articoli andremo ancora a parlare di PIL e di come questo dato possa essere usato nel forex.

Lascia un Commento