Indicatori forex più importanti

Indicatori forex più importanti

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Forex
Ultimo aggiornamento:
15 agosto 2013



Essendo il più grande al mondo, il mercato finanziario del Forex è molto legato a tutte le fluttuazioni e i cambiamenti che arrivano dal mercato stesso, nonché alle situazioni politiche ed economiche che accadono per tutto il tempo in tutto il mondo. Molti investitori devono prendere le loro decisioni di investimento basandosi sulle notizie che cambiano giorno dopo giorno, sia di politica che di economia. Ebbene, mentre non si può cambiare il fatto che il Forex dipenda dall’economia dei paesi in quanto si occupa di coppie di valuta, è possibile imparare i modi con i quali riuscire a prevedere le tendenze del mercato. La risposta a questa necessità è data dagli indicatori, che sono usati da tutti gli operatori esperti soprattutto se sono molto interessati nel commercio a lungo termine.

In breve possiamo dire che tutti gli indicatori di Forex sono degli strumenti significativi ed efficaci, ampiamente utilizzato dai commercianti, per prevedere le tendenze del mercato nel futuro e per cercare di determinare le prospettive che permettono di determinare queste future tendenze nel mercato del Forex. Riuscendo a prevedere in maniera corretta i massimi e i minimi del mercato forex, un trader può acquistare o vendere determinate coppie di valute investendo il loro denaro in maniera più o meno sicura.

Esistono tanti indicatori Forex che si possono scegliere usando le principali piattaforme di trading, come MetaTrader, ma solo pochi di loro possono essere classificati come diffusi e popolari tra i trader forex. Nello specifico, vediamo le medie mobili, il MACD e l’RSI.

Medie mobili. Questi indicatori possono essere classificati come semplici e esponenziali. In questo articolo iniziamo a parlare delle medie mobili semplici, che vengono calcolate quando si somma il prezzo di una certa coppia di valute per un certo numero di periodi temporali e poi divide questo totale per il numero di periodi considerati.

Lascia un Commento