Jim Yong Kim nuovo leader della Banca Mondiale

Jim Yong Kim nuovo leader della Banca Mondiale

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Banche
Ultimo aggiornamento:
17 aprile 2012



La Banca Mondiale ha scelto Jim Yong Kim come prossimo presidente, nonostante l’opposizione sempre più forte dei paesi in via di sviluppo. Nell’annunciare la nuova nomina, gli amministratori esecutivi della Banca Mondiale hanno ringraziato il presidente uscente, Robert B. Zoellick, e gli altri due candidati: il ministro delle finanze nigeriano Ngozi Okonjo – Iweala e Jose Antonio Ocampo, ex ministro delle finanze in Colombia.

Ma negli ultimi anni, i funzionari delle economie emergenti in Asia, America Latina e Africa hanno cercato una maggiore rappresentanza. Kim ha avuto l’approvazione da parte del Presidente Obama e degli altri leader americani di rilievo.

Anche se Kim è noto al mondo per i suoi successi, anche nel settore della salute globale, non è un grande esperto nel campo della finanza, così come gli altri due candidati.

Kim, 52 anni, ha trascorso gran parte della sua carriera come educatore e leader verso la causa della salute mondiale. Kim è ex direttore del dipartimento HIV dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ed è co-fondatore di Partners in Health, un’organizzazione no-profit che ha sede a Boston e che collabora con le comunità povere di Haiti, Perù, Russia, Ruanda e altri paesi nel mondo al fine di fornire assistenza medica e dei servizi sociali di base agli stessi.

Kim si è trasferito con la famiglia negli Stati Uniti dalla Corea del Sud all’età di 5 anni ed è cresciuto a Muscatine, in Iowa. Si è laureato alla Brown University e ha ricevuto la laurea in medicina ad Harvard.

Kim inizierà ora il suo mandato quinquennale come presidente della Banca Mondiale nel prossimo mese di luglio, con l’obiettivo, come anche confermato da Barack Obama, di puntare ai finanziamenti per lo sviluppo e per la lotta alla povertà. Importante dunque il ruolo di questo istituto, che rappresenta uno dei più grandi enti al mondo in assoluto.

Lascia un Commento