La BOE e la BCE hanno mosso i mercati

La BOE e la BCE hanno mosso i mercati

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Analisi Valute
Ultimo aggiornamento:
8 novembre 2013



I mercati sono in fase di consolidamento dei livelli dopo che la BCE ha tagliato il tasso. Il maggiore surplus commerciale della Germania e il più basso deficit di bilancio della Francia hanno migliorato il sentimento del rischio della mattina, ma la tendenza rimane chiaramente al ribasso dato che la BCE lascia la porta spalancata per un ulteriore allentamento della politica. L’ evento chiave di oggi sono i dati del lavoro Usa. Gli Stati Uniti pubblicheranno i libri paga non agricoli di ottobre e il tasso di disoccupazione. I mercati hanno nelle aspettative dovish, con il DXY che è riuscito a estendere i guadagni al di sopra della DMA a 100 e i rendimenti dei titoli del Tesoro a 10 anni che sono ai minimi settimanali. Qualsiasi sorpresa positiva dovrebbe risollevare le aspettative della Fed.

Carney nel back stage

Come previsto, la BoE ha mantenuto il tasso di riferimento invariato allo 0,50% e ha mantenuto costante il target di acquisti di asset a 375 miliardi di sterline. La BoE pubblicherà le nuove previsioni del MPC il 13 novembre e il Governatore Carney terrà una conferenza stampa in quell’occasione. Le minute di novembre saranno pubblicate la settimana dopo. L’opinione generale è ancora scettica sulla guida di Carney. La crescita dei dati economici va chiaramente contro Carney dall’inizio del suo mandato, nel mese di luglio. Nel breve termine crediamo che ci sarà una salita maggiore della GBP, cosa che però dovrebbe avere un impatto negativo sulle esportazioni del Regno Unito nel medio termine. Questo a parte, Carney dovrebbe continuare a giocare sul lato dovish del gioco.

Azione politica aggressiva da parte della BCE

La questione non era se agire, ma quando agire. La Banca centrale europea è stata più aggressiva di quanto pensassimo nella sua riunione politica di novembre e ha tagliato il tasso di rifinanziamento principale di 25 punti base, al minimo storico dello 0,25% . Il tasso sui depositi è stato mantenuto invariato allo 0,00% . Il presidente della BCE Draghi ha detto che il taglio dei tassi è in linea con l’andamento del mercato. Come reazione istintiva, la coppia di valute EUR/GBP ha fatto due grandi figure al ribasso, a 0,83005, mentre la coppia EUR/USD è scesa di più di 200 pips. Proprio questa coppia di valute è scesa notevolmente al di sotto del minimo del canale rialzista. Tecnicamente, la coppia non è più nella zona correttiva e possiamo ampliare la nostra visione ribassista per il corso della prossima settimana di trading.

Lascia un Commento