La BoJ inizia una nuova “era”

La BoJ inizia una nuova “era”

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Analisi Valute, Yen
Ultimo aggiornamento:
4 aprile 2013



La Banca del Giappone ha scosso i mercati con una revisione radicale della sua azione politica, con l’adozione di un nuovo obiettivo di bilancio e con l’impegno del raddoppiare delle sue partecipazioni nei titoli di Stato. Si tratta di soluzioni che cercano di porre fine a quasi due decenni di deflazione. La portata dei cambiamenti imposti dal nuovo Governatore della BoJ, Haruhiko Kuroda, ha spinto lo yen al ribasso e ha portato i titoli a 10 anni ad avere il rendimento più basso da un decennio. La BOJ opererà in maniera da aumentare la base monetaria ad un ritmo annuo di circa 70 triliardi di yen.

La BOJ tornerà a tempo indeterminato sugli acquisti di asset e “porterà a casa” oltre 7 trilioni di yen al mese in titoli a lungo termine, in modo che il saldo delle sue partecipazioni cresca ad un ritmo annuale di circa 50 trilioni di yen. La cosa che ha spinto lo yen e i mercati in maniera maggiore è il fatto che le decisioni sono state prese con voto unanime, il che segna l’inizio della nuova “era Kuroda” verso un allentamento monetario sempre più aggressivo al fine di raggiungere il nuovo obiettivo di inflazione pari al 2 per cento.

La prima riunione politica presieduta da Kuroda da quando è entrato in carica il 20 marzo ha messo effettivamente in evidenza che i discorsi fatti in passato non erano solo parole. Kuroda viene visto come il nuovo corso della BoJ. Il numero uno della banca centrale nipponica si è impegnato a fare “tutto il possibile” per raggiungere il nuovo obiettivo di inflazione entro due anni, un lasso di tempo che molti vedono come eccessivamente ambizioso. Parlando di tale obiettivo, Abe, primo ministro giapponese, ha detto che non è necessario che la BOJ cerchi di raggiungerlo a tutti i costi, dato che ci sono alcuni fattori che influenzano i prezzi, come gli sviluppi economici globali, che sfuggono al diretto controllo del paese.

Lascia un Commento