La Cina cresce a ritmi vertiginosi

La Cina cresce a ritmi vertiginosi

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Altre Valute
Ultimo aggiornamento:
14 gennaio 2009



Non è certo una delle monete più battute nelle analisi forex, ma ogni trader professionale dovrebbe avere una conoscenza a 360° dell’economia mondiale, yuan cinese e Cina compresa.

Dunque lo yuan vale attualmente 11 centesimi di euro, con un uptrend da 3 anni a questa parte in cui la valuta cinese ha toccato un minimo inferiore a 0,9, ed ora è al suo picco maggiore in 3 anni come si vede dal grafico.

Secondo i dati economici la Cina ha superato il Pil della Germania nel 2007, attestandosi così come terza potenza economica mondiale alle spalle del Giappone e degli Usa.
Nel 2008 la crescita è stata inferiore, con un aumento del 9%, e si prevede un ulteriore diminuzione di crescita per questo 2009: un +6% circa.
Per via di questa flessione il governo pechinese si è già messo in moto con una mega manovra da 4 mila miliardi di yuan: ne beneficeranno soprattutto case e settore siderurgico.

Nonostante la crisi l’economista Ting Lu è convinto che la Cina possa superare nel medio periodo (prima di 5 anni) la potenza giapponese e addirittura anche il presidente di “Osservatorio Asia” indica un probabile sorpasso, ma questo tra circa venti o 30 anni, sugli Stati Uniti.
Per la precisione statistica ricordiamo che nel 2007 la crescita del Pil è stata del +13%, con un sbalorditivo totale di 25.700 miliardi di yuan, a confermare che il paese del Dragone ha davvero potenzialità devastanti.

0 risposte a “La Cina cresce a ritmi vertiginosi”

  1. diggita.it scrive:

    La Cina lancia l’attacco al vertice dell’economia…

    La Cina è attualmente la terza potenza mondiale per PIL: ha appena scavalcato la Germania nei dati del 2007 e sopra di lei ci sono solo Giappone e Usa (al vertice).

    Nonostante la crisi e la riduzione della crescita del PIL prevista per il 2008 e il 2…

  2. […] la Cina vede crescere il suo PIL, il Giappone ha gravi problemi a risollevare la propria economia. Sono stati emanati i dati sulla […]

Lascia un Commento