La FED continuerà con il suo stimolo monetario

La FED continuerà con il suo stimolo monetario

Scritto da:
The Economist
Categoria:
FED
Ultimo aggiornamento:
25 ottobre 2012



La Federal Reserve ha fatto sapere che continuerà il suo programma di stimolo monetario come iniziato il mese scorso, nel tentativo di dare una mano all’economia degli Stati Uniti che non cresce abbastanza velocemente. La FED ha votato lo scorso giovedì di voler continuare a comprare 40 miliardi di dollari in titoli garantiti da ipoteca ogni mese, un modo per incoraggiare gli investimenti. Questo quantitative easing manterrà i tassi di prestiti ad un basso livello ed è pensato per permettere alle imprese e ai consumatori di investire a lungo termine. Questa è la terza volta da quando la crisi economica ha cominciato a farsi sentire che la Fed ha deciso di acquistare titoli. Il prodotto interno lordo del paese, nel frattempo, è all’1,3 per cento per il secondo trimestre del 2012.

La FED rimane preoccupata del fatto che, senza aiuto politico sufficiente, la crescita economica potrebbe non essere abbastanza forte da generare un miglioramento continuo delle condizioni del mercato del lavoro. Tuttavia, il mercato del lavoro è in crescita, anche se lentamente. Il tasso di disoccupazione nazionale è del 7,8 per cento, il livello più basso dal gennaio 2009. I datori di lavoro degli Stati Uniti, tuttavia, hanno creato solo 114.000 posti di lavoro nello scorso mese di settembre, un incremento considerato troppo lento da molti economisti. La Federal Reserve rimane molto aggressiva al fine di rilanciare l’economia e di ridurre la disoccupazione. Il FOMC si aspetta che l’azione della banca centrale americana metterà pressione al ribasso sui risultati a lungo termine dei tassi di interesse, sosterrà i mercati ipotecari e contribuirà a rendere più ampie le condizioni finanziarie.

La commissione ha inoltre deliberato di voler continuare a mantenere i tassi di interesse a breve termine pari o vicini allo 0 per cento fino almeno alla metà del 2015, allungando la precedente scadenza che era stata fissata nel 2014.

Lascia un Commento