La Spagna chiede le dimissioni di Rajoy, cosa accadrà all’euro?

La Spagna chiede le dimissioni di Rajoy, cosa accadrà all’euro?

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Economia mondiale
Ultimo aggiornamento:
20 luglio 2013



Migliaia di manifestanti si sono scontrati con la polizia in antisommossa a Madrid nel corso di una protesta che ha avuto come obiettivo quello di invocare a gran voce le dimissioni del primo ministro Mariano Rajoy. I manifestanti si sono trovati in strada, davanti alla sede del governo del Partito Popolare, insistendo sul fatto che Rajoy dovrebbe lasciare l’incarico a causa delle accuse di aver ricevuto dei fondi neri prima che il suo partito vincesse le elezioni nel corso del 2011.

Quella che è iniziata come una protesta pacifica è diventata presto una violenta protesta poco prima di mezzanotte, con diverse persone ferite e un conseguente numero di arresti. La polizia antisommossa ha usato i manganelli e ci sono state segnalazioni di almeno un ufficiale ferito da missili lanciati dalla folla.

Le manifestazioni sono avvenute dopo che i leader dell’opposizione, questa settimana, hanno chiesto Rajoy di spiegare davanti al parlamento la sua situazione o di affrontare un voto di censura.

Lunedi Rajoy ha cercato rifiutato le richieste di dimissioni, confermando il suo forte impegno per il paese, nel tentativo di farlo uscire dalla crisi economica.

Effettivamente la situazione per la Spagna non è già facile di per sè, considerando la crisi economica e l’altissimo numero di disoccupati (specialmente tra i giovani) ed una crisi politica non è sicuramente il modo migliore per risolvere la questione e sollevare il paese.

Cosa accadrà se Rajoy dovesse dimettersi, in termini di mercato valutario? Considerando che le valute sono solitamente molto legate anche alla stabilità politica (o all’instabilità politica, in questo caso) è presumibile vedere l’euro perdere terreno nei confronti delle altre major, come ad esempio la sterlina del Regno Unito, il dollaro degli Stati Uniti e lo yen del Giappone, soprattutto se tali paesi dovessero presentare dei confortanti dati che possano mettere in evidenza una ripresa economica.

Lascia un Commento