La teoria delle Onde di Elliott nel Forex, parte 3

La teoria delle Onde di Elliott nel Forex, parte 3

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Forex
Ultimo aggiornamento:
2 marzo 2013



Andiamo avanti a valutare in che maniera le onde di Elliot sono positive per il mercato delle valute forex e come si possono usare per capire il futuro prezzo delle valute. Nello scorso articolo abbiamo visto le prime tre onde, con le rispettive caratteristiche, ora diciamo che l’onda 4, la successiva in ordine di apparizione, è un’onda tipicamente e chiaramente correttiva. I prezzi possono muoversi lateralmente per un lungo periodo e l’onda quattro ripercorre in genere meno del 38,2% dell’onda tre. Il volume di trading è nettamente inferiore a quella dell’onda tre. Si tratta di un buon modo per acquistare se si capisce il potenziale vantaggio di un’onda 5. Tuttavia, la quarta onda è spesso frustrante a causa della mancanza di progressi nella più grande tendenza.

L’onda 5 è l’ultima tappa nella direzione del trend dominante. La situazione è quasi universalmente positiva e tutti sono rialzisti. Purtroppo è proprio in questo momento che gli investitori medi acquistano, proprio prima che il prezzo tocchi il massimo. Il volume di trading è spesso inferiore nell’onda cinque che nell’onda tre e gli indicatori di momentum iniziano a mostrare delle divergenze, ovvero i prezzi raggiungono un nuovo massimo ma gli indicatori no.

Le onde di Elliot, come abbiamo dunque visto, sono un interessante strumento di trading, ma solo se usato correttamente. Se si dovessero usare tardivamente possono darci delle indicazioni che non sono così valide come se, invece, si fossero usate prima. Ovviamente per un principiante non è semplice usare tale strumenti di trading, poiché serve una conoscenza del mercato decisamente grande, anche in termini di strumenti “correlati”, come i ritracciamenti di Fibonacci, un altro ingrediente particolare della nostra “ricetta strategia”. Come al solito il consiglio è quello di iniziare ad investire usando un conto di trading forex in modalità demo, così da non rischiare assolutamente nulla e fare pratica.

Lascia un Commento