L’Aussie rompe la 200-DMA, GBP di fronte a dei supporti a rischio

L’Aussie rompe la 200-DMA, GBP di fronte a dei supporti a rischio

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Analisi Valute
Ultimo aggiornamento:
25 marzo 2014



Le tensioni in Ucraina continuano. La riunione del G7 a L’Aia ieri ha portato alla cancellazione del vertice del G8 in Russia. In una dichiarazione congiunta, il G7 ha detto che “rimane pronta ad intensificare le azioni, comprese le sanzioni, le quali potrebbero avere un impatto molto significativo sull’economia russa, se il paese dovesse continuare con questa situazione”. Usciti in mattinata, i dati misti del Regno Unito hanno portato ad una direzione chiara della sterlina GBP. I livelli tecnici chiave si trovano a rischio sul grafico dei prezzi GBP/USD. Oltremare, i dati economici deboli dalla Cina fanno rivivere le speranze di ulteriori azioni cinesi per sostenere la crescita. L’aussie è salito.

L’nflazione nel Regno Unito al livello più basso dal 2009

L’inflazione nel Regno Unito è scesa dal 1,9 % al 1,7 % nel mese di febbraio, il dato più lento da ottobre 2009. L’inflazione più morbida è dovuta principalmente alla debolezza dei prezzi dei carburanti, ma anche al ribasso delle pressioni sul gas e dell’elettricità, oltre che all’abbigliamento e alle calzature. L’inflazione dei prezzi al dettaglio si trova da -0,3% a 0,6% mese su mese, con conseguente lettura migliore del previsto, anno su anno, del 2,7 % ( contro il 2,6 % atteso e il 2,8 % scorso). I prezzi delle case si trovano al 5,5 %. I dati misti si trovano di fronte ad un’azione significativa della sterlina nel complesso. GBP/USD è avanzata a 1,6510, con la mancanza di ulteriore entusiasmo che ha tirato la coppia GBP/USD al di sotto di 1,6500.

EUR/GBP avanza

EUR/GBP è avanzato a 0,83935 (ad un tiro di schioppo superiore alla nostra resistenza di Fibonacci di 0,83915) e ha venduto sui dati del Regno Unito. Il momentum è comodamente rialzista, mentre le offerte restano pre-0.83915/0.84000. Il prossimo livello tecnico chiave è pari a 0,84201 ( 200 – DMA).

L’aussie si trova in offerta

AUD/USD ha rotto la 200 -DMA ( 0,9138) e ha radunato a 0,9158 a Sydney, con la notizia che la Cina potrebbe aumentare lo stimolo per sostenere la crescita economica. Il trend rialzista prende slancio e ha una stretta al di sopra della 200-DMA, che dovrebbe rafforzare ulteriormente l’orientamento positivo. Abbiamo posto il prossimo livello chiave al ritracciamento di Fibonacci del 50 % di 0,9209.

Lo Yuan ha aperto la sessione asiatica e ha esteso i guadagni a 6,1737 rispetto ad USD per poi risalire di nuovo sopra 6,2000. Gli indicatori di tendenza e il momentum rimangono comodamente rialzisti su USD/CNY, con le offerte delle opzioni che si trovano a 6,1825 e a 6,1990. Manteniamo la nostra visione ribassista sullo Yuan nonostante le speculazioni della speranza delle riforme in Cina.

Lascia un Commento