Le 3 cause più comuni del fallimento di un paese

Ci sono molte circostanze in cui gli obblighi di pagamento di un paese possono superare la loro capacità di farlo. In generale, le cause più comuni possono essere classificati in tre gruppi.

Il primo è quello dei cambiamenti nelle condizioni economiche. Un calo significativo del PIL del paese può mettere la capacità di pagamento a rischio. In questa maniera diventa più vulnerabile alle fluttuazioni del mercato per cercare di trovare nuovi finanziamenti, soprattutto di fronte alle emissioni di obbligazioni a breve termine.

Ad esempio, se l’economia è basata sulle esportazioni e la domanda estera cala vistosamente, il PIL sarà fortemente influenzato, oltre che dai ricavi, anche dai flussi di cassa, cosa che rende sempre più difficile far fronte agli obblighi. E’ un pochino quello che sta succedendo con la Grecia in questi giorni.

Il secondo motivo è quello del clima politico. I casi di default sul debito sovrano che si sono verificati nel corso della storia sono stati associati spesso con l’instabilità politica nel paese, in governi non ben strutturati e altamente corrotti. Ci sono stati anche casi in cui un nuovo governo è salito al potere in una situazione difficile a causa del comportamento passato di altri governi ed è riluttante a pagare il debito emesso proprio dai governi precedenti. È possibile aggiungere a queste considerazione il fatto che spesso dei governi giovani ed inesperti possono anche correre il rischio di fare delle stime molto deviate dalla realtà in termini di fabbisogno di finanziamento, di condizioni economiche (che vengono spesso valutate come migliore rispetto alla realtà) o possono anche solo sopravvalutare la capacità di riscossione delle imposte o la futura potenza della crescita economica, cosa che porta a dei rischi di non poter pagare nel momento in cui ci sarà il bisogno di metter mano al portafogli.

Il terzo ed ultimo motivo è una crisi di valuta, un po’ quello che è successo in Russia dopo che il rublo ha perso quasi la metà del suo valore contro il dollaro USA. Se la valuta nazionale perde valore rapidamente, la cosa potrebbe avere un impatto negativo sulla capacità del pagamento delle obbligazioni denominate in valuta estera; il pagamento del debito e degli interessi sarebbe sempre più costoso fino a raggiungere un punto di rottura (questo discorso si chiama anche rischio di cambio).

Tenendo a mente questi tre concetti si può riuscire a valutare meglio se un paese o una zona economica sono a rischio ed agire di conseguenza.

Questa voce è stata pubblicata in Forex e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento