Le commodity

Le commodity

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Economia mondiale, Materie prime e metalli
Ultimo aggiornamento:
24 dicembre 2008



Quando trattiamo di analisi forex in un modo o nell’altro rientra spesso nel discorso il termine commodity o commodities: ma cosa sono in realtà queste commodity?

Le commodity sono materie prime o beni standard indispensabili, che è possibile produrre ovunque e conservare, senza che siano necessari altri strumenti.
Ecco una lista di Wikipedia, per capire subito di cosa stiamo parlando:

  • beni agricoli
    • avena
    • farina di soia
    • frumento
    • mais
    • olio di soia
    • soia
  • beni coloniali e tropicali
    • cacao
    • caffè
    • cotone
    • legname
    • succo d’arancia
    • tabacco
    • zucchero
  • metalli
    • alluminio
    • argento
    • nickel
    • oro
    • palladio
    • platino
    • rame
    • zinco
  • beni energetici
    • benzina
    • etanolo
    • gas naturale
    • nafta
    • petrolio
  • carni
    • bovini
    • bovini da latte
    • maiali
    • pancetta di maiale

Queste sono solo le principali, che vengono scambiate nei mercati internazionali: in particolare vengono usate come base per calcolare il valore dei future.
Data questa peculiarità di carattere finanziario, le commodity nel tempo sono state sempre più soggette a speculazione.

La recente crisi economica mondiale ha accentuato ancora di più la situazione critica del mercato delle commodity: mentre nei primi 6 mesi del 2008 aveva guadagnato circa il 30%, da giugno a novembre c’è stato un crollo verticale, con conseguente perdita di valore del 45% e oltre 280 miliardi di dollari tradotti in future.
Il valore di mercato è sceso così tanto in alcuni casi, che il prezzo di produzione è pari, se non superiore a quello di acquisto del bene.

Lascia un Commento