L’economia cresce, buoni segnali da Germania e Cina. Le Borse salgono

Giornata positiva per le Borse europee sostenute dal dato migliore delle attese della produzione industriale in Germania, salita a marzo dell’1,2%, contro attese di un calo dello 0,1%.

A Milano l’indice FtseMib ha guadagnato lo 0,76% con alcuni vistosi rialzi fra le blue chip, fra cui Pirelli +7,3% e Finmeccanica +5,1%. Bene anche StM +4,6% e Buzzi +5,6%. Fra i settori migliori in Europa figurano i titoli delle costruzioni (Stoxx del settore +1,3%).

Btp e un occhio sul resto del mondo

Situazione calma sulla piazza dei titoli di Stato: il Btp a 10 anni ha terminato la seduta 3,83%, spread a quota 256.

Cina e Wall Street.

Al clima positivo concorrono i buoni dati sull’economia cinese. La bilancia commerciale di Pechino in Aprile ha marcato un avanzo di 18,16 miliardi, maggiore alle attese che indicavano 15,05 miliardi. La variazione sullo stesso mese dell’anno precedente è una crescita del 14,7% delle esportazioni (oltre l’atteso +10,3%),più grande è stato l’aumento dell’import, +16,8% (attese 13,9%).

A New York la Borsa americana a metà seduta è in rialzo con l’indice S&P che sale dello 0,2%, Nasdaq +0,3%.

L’euro si è rafforzato: la valuta comune è salita a 1,317 da 1,307 della chiusura di ieri sera (+0,7%).

La Borsa di Londra è salita dello 0,4%, Parigi ha guadagnato lo 0,8%, Francoforte +0,8%.

Titoli sotto la lente

Il rialzo di Pirelli +7,3% è venuto dopo i risultati del primo trimestre annunciati ieri e sostanzialmente in linea con le attese del mercato. Il management ha confermato i target già annunciati per l’intero 2013.

Finmeccanica ha corso in rialzo del 5,1%: secondo indiscrezioni del Sole 24 Ore e di Mf sarebbero in corso trattative avanzate per vendere sia Ansaldo Energia, sia la quotata Ansaldo Sts ,in rialzo oggi del 2,8%.

Fiat è avanzata del 2,1%, Fiat Industrial +0,2%.

Anche Enel ha annunciato i risultati e il titolo ha chiuso pressoché invariato. Fra le utility il titolo migliore è Atlantia,salita del 3,1%.

Con il petrolio in lieve calo (Brent -0,4% a 103,9 dollari al barile) ha chiuso debole Eni -0,1%, mentre Saipem ha guadagnato l’1,4%.

Al termine di una giornata con molte oscillazioni, Telecom Italia è finita in calo dello 0,6%. Nella lunga riunione di oggi, il cda ha deciso di prendere altro tempo per approfondire i dossier sulla possibile aggregazione con 3Italia e sullo scorporo della rete. In Germania Deutsche Telekom ha guadagnato il 4,6% dopo avere annunciato risultati migliori delle attese nella telefonia mobile sia in Germania che negli Usa.

Settore bancario: Unicredit è salita dello 0,8%, Intesa è arretrata dello 0,3%, MontePaschi è scesa dell’1,1%. Banco Popolare ha guadagnato il 2,3%.

Bene le assicurazioni e in particolare Fondiaria-Sai +1,9%, Generali +0,6%.

Fra le mid cap, Maire Tecnimont ha guadagnato il 5,3%, Yoox +5,3%.

Info su Antonio Parisi

Dottore in Economia dei Mercati Finanziari e specializzando in Economia e gestione delle imprese presso l’Università degli studi di Pavia. Ventiquattro anni e da ormai cinque ha intrapreso un percorso universitario prettamente indirizzato verso il mondo della finanza, interessandomi dei mercati , del loro funzionamento e caratteristiche e coltivando personalmente la passione per il trading online. All’età di diciannove anni mi sono trasferito a Pavia per affrontare i miei studi in maniera autonoma, riuscendo ad ottenere una prima Laurea e togliendomi tante soddisfazioni scolastiche e personali.
Questa voce è stata pubblicata in Trading operativo e analisi tecnica e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento