L’enfasi della BCE in realtà sostiene l’economia degli Stati Uniti, i posti di lavoro negli Stati Uniti a fuoco

L’enfasi della BCE in realtà sostiene l’economia degli Stati Uniti, i posti di lavoro negli Stati Uniti a fuoco

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Analisi Valute
Ultimo aggiornamento:
6 giugno 2014



La BCE ha annunciato un complesso insieme di strumenti politici in aggiunta a dei tassi inferiori. Nella sua conferenza stampa a Francoforte, il presidente della BCE Draghi ha spiegato che il pacchetto di stimolo è diviso in quattro parti distinte. Anche se la reazione istintiva ha innescato un aggressivo euro, l’orientamento verso l’attività economica ha dato un supporto decente all’euro nel complesso. La limitata vendita del dollaro USA su tutta la linea sulle aspettative dissipate come reazione al potenziale incontro politico della BNS il 19 giugno hanno dato i loro frutti. I futures sui tassi di interesse svizzeri convergevano a livelli corrispondenti agli obiettivi della politica della BNS. I commercianti si sono concentrati sul passaggio dei dati del lavoro degli Stati Uniti a New York, con i dati di supporto che hanno dato un aiuto a USD e EUR. L’economia reale della BCE ha innescato un certo entusiasmo.

La BCE ha giocato alla grande nella riunione del 5 giugno annunciando un pacchetto di stimolo complesso per sostenere l’economia della zona euro. Il presidente della BCE Draghi ha dettagliato, come detto, il pacchetto in quattro parti distinte.

In primo luogo, la BCE ha allentato la politica monetaria abbassando il tasso di rifinanziamento principale allo 0,15%, il tasso di rifinanziamento marginale alloi 0,40% e il tasso sui depositi a -0.10% , con i tassi negativi applicati anche sulle riserve in eccesso. In secondo luogo, per migliorare la trasmissione della liquidità all’economia reale, la BCE ha deciso di lanciare il TLTRO. Questa misura mira a fare in modo che il credito a buon mercato fluisca nelle tasche delle famiglie (tranne che per l’acquisto di abitazioni) e nel settore non finanziario. Parliamo di circa 400 miliardi in questo contesto attraverso due TLTRO nel mese di settembre e nel mese di dicembre 2014. Praticamente, dei controlli saranno necessari per avere ulteriori prestiti iniziali, poi su base trimestrale si può assicurare la liquidità per andare al posto giusto. Molto simile alla pratica della BoE, le controparti saranno in grado di prendere in prestito fino a tre volte l’importo dei loro crediti netti alle società non finanziarie.

In terzo luogo, sarà intensificato il lavoro preparatorio per l’ABS. Draghi ribadisce che la nuova struttura sarà orientata all’economia e sarà lontana dal concetto di CDO che ha portato l’economia mondiale alla recente crisi dei mutui subprime. Infine, Draghi ha insistito sull’insoddisfazione irregolare nel progresso delle riforme strutturali in tutti i paesi della zona euro. I governi dovrebbero mirare al consolidamento di bilancio alla crescita comprensiva di tasse più basse, minori spese e maggiore spesa pubblica.

Lascia un Commento