L’euro scende dopo che gli aiuti alla Grecia sono stati confermati

L’euro scende dopo che gli aiuti alla Grecia sono stati confermati

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Euro
Ultimo aggiornamento:
27 novembre 2012



L’euro rimbalza da un mese di massimo contro il dollaro dopo che i creditori internazionali hanno concordato un nuovo obiettivo per il debito della Grecia. Gli istituti di credito internazionali hanno concordato un pacchetto di misure per ridurre il debito greco di 40 miliardi di euro. L’obiettivo è stato quello di rilasciare dei prestiti urgenti e necessarii per tenere a galla l’economia del paese ellenico.

Questo accordo è positivo per l’euro dato che questa decisione elimina parte dei rischi legati alla nostra valuta. Con l’affare greco, alcuni trader hanno detto che avrebbero preso il profitto conquistato dai recenti rialzi della moneta unica, ecco dunque perché l’euro è sceso. La nostra valuta era cresciuta di quasi il due per cento nei confronti del dollaro nelle ultime due settimane, sostenuta dalle aspettative per l’accordo sulla Grecia e grazie all’ottimismo da parte dei legislatori statunitensi circa il raggiungimento di un accordo per evitare la scogliera fiscale, ovvero gli aumenti fiscali e i tagli alle spese.

Alcuni analisti hanno detto che l’accordo greco è un tappabuchi della situazione attuale, dato che il peggioramento delle prospettive economiche per la zona euro avrebbe mantenuto l’euro ancora sotto pressione. In molti sono convinti che le misure serviranno a ristabilire la sostenibilità a lungo termine del debito della Grecia, dunque in teoria la nostra valuta dovrebbe tornare a salire nel corso delle prossime ore e dei prossimi giorni.

Volando dall’altra parte del mondo, vediamo che lo yen è scivolato dopo che il leader dell’opposizione giapponese, Shinzo Abe, probabile prossimo primo ministro del paese dopo le elezioni che si terranno il mese prossimo, ha ribadito che chiederà più audacia monetaria e nuovi stimoli fiscali per rilanciare l’economia del paese.

La valuta giapponese è scesa drasticamente nelle ultime due settimane sulla speculazione che il nuovo governo potrebbe in qualche modo costringere la Banca del Giappone ad un allentamento della politica monetaria.

Lascia un Commento