L’Europa e il Piano Brady

L’Europa e il Piano Brady

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Economia mondiale
Ultimo aggiornamento:
23 luglio 2011



Abbiamo visto nello scorso articolo che la situazione nella zona euro è ancora critica. Nonostante la riunione di Francia e Germania, occorre trovare una direzione univoca e valida per fare in modo che si possa uscire nella maniera migliore e più veloce possibile da questa grave crisi, evitando soprattutto che il contagio dilaghi e colpisca paesi più grandi, come l’Italia o la Spagna.

Ciò che serve è una versione europea del Piano Brady, la conversione del debito progettato dall’amministrazione di George W. Bush. Questo piano consentiva ai creditori USA di incassare i bond dell’America Latina che avevano in portafoglio, con uno sconto, in cambio di una serie di nuove e solide garanzie. Le banche hanno così potuto evitare una paralizzante svalutazione.

Nel frattempo, la cosa migliore di tutte, è che i paesi dell’America Latina hanno potuto riavviare la crescita, cosa di cui l’Europa ha disperatamente bisogno. Una volta che la situazione critica nella periferia è scomparsa, Italia, Spagna e altri importanti paesi con pesanti debiti devono mettere in atto delle riforme strutturali pro-crescita.

Comprensibilmente, i leader tedeschi e francesi hanno cercato di risolvere il problema fino ad ora ad un costo minimo per le loro banche e per i loro contribuenti, sollecitando la Grecia e il resto dei paesi in crisi ad imporre delle dure misure di austerità in cambio dei prestiti. Ma i costi sono troppo alti per la Grecia, l’Irlanda e il Portogallo. Essi dovranno essere condivisi tra i creditori, i debitori e i contribuenti europei, tedeschi, per lo più.

Tutti gli interessati dovranno dunque assorbire un forte colpo di frusta finanziario. Il cancelliere tedesco Angela Merkel e il presidente francese Nicolas Sarkozy affermano di volere un’Europa unita, così come una moneta unica unita. Se lo pensano veramente, c’è chi dice che potrebbero essere disposti a pagarne il prezzo.

 

Lascia un Commento