L’indice di forza relativa RSI

L’indice di forza relativa RSI

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Grafici Forex
Ultimo aggiornamento:
23 gennaio 2009



Nelle analisi forex finora non ci siamo occupati degli indici, che invece sono essenziali per una comprensione più completa di un trend valutario.
Uno degli indici principali è l’RSI, cioè l’indice di forza relativa, detto anche indice relativo di resistenza.

Il grafico dell’RSI a differenza di quelli comuni va da 0 a 100.
L’indice fa un rapporto tra i movimenti del trend: quelli rialzisti e quelli ribassisti e rapporta il calcolo in un valore compreso tra 0 e 100.
Ci possono essere 3 risultati dalla rappresentazione di questo indice:

  • l’apice (cioè il punto massimo) dell’indice confluisce nella zona superiore al grafico, cioè va sopra a quota 70 = si è in overbought, cioè comprato in eccesso
  • l’apice è nella zona bassa del grafico, ovvero sotto a 30 = si è in oversold, cioè venduto in eccesso
  • c’è una divergenza = il prezzo ha un minimo o massimo ma sul grafico RSI non c’è corrispondenza (cioè non c’è un nuovo minimo o massimo).

Nei primi 2 casi il prezzo tenderà a muoversi nella direzione del trend, mentre nel terzo caso verso la direzione del grafico RSI.
I primi 2 casi sono illustrati nell’immagine iniziale, il terzo nella figura in basso (come sempre cliccate per ingrandire)

Una risposta a “L’indice di forza relativa RSI”

  1. upnews.it scrive:

    L’indice di forza relativa RSI…

    Come individuare e capire un grafico RSI: uno strumento essenziale nelle analisi forex….

Lascia un Commento