Perché operare nel Forex

Perché operare nel Forex

Scritto da:
The Economist
Categoria:
Forex
Ultimo aggiornamento:
20 febbraio 2009



Operare nel Forex, grazie all’apertura dei mercati e alla diffusione di internet, è oggi possibile per tutti. Basta solo una connessione ad internet, un software gratuito per fare broker online e un conto virtuale sul quale depositeremo un po’ di denaro. All’inizio possiamo partire anche con solo 100 dollari.

Quello che rende investire nel Forex così eccitante è la possibilità di essere alla pari con i più grandi investitori del mondo. Questo per due motivi fondamentali: l’impossibilità di manovrare il mercato ed il fatto che le notizie che possono influenzare gli andamenti delle valute e degli indici sono disponibili a tutti e nello stesso momento.

A differenza del mercato azionario, nel Forex anche se ci sono grandi operazioni, è impossibile per un singolo operatore manovrare il mercato a muoverlo a suo piacimento. E’ in realtà il mercato stesso che fa muovere i prezzi.

Già questa condizioni di parità consente a tutti di poter investire con fiducia nel Forex, a patto ovviamente di averne le capacità caratteriali e di riflessi che questo mercato, così volatile, richiede per poter avere successo.

Sul mercato del Forex, quindi, tutte le informazioni che riguardano un paese il suo andamento economico sono disponibili a tutti indistintamente. I dati macroeconomici delle singole nazioni vengono resi noti in tutto il mondo contemporaneamente, bisogna solo rimaere aggiornati, saper leggere tali dati ed interpretari.

Un’altro grande vantaggio è che il Forex può essere fatto anche come “alternativa” al nostro lavoro principale, anche nel tempo libero. Questo perché è un mercato operativo 24 ore su 24, dalle 23 di domenica (ora italiana), fino alle 23 di venerdì (ora italiana). Entro questi orari possiamo operare quando preferiamo. Inoltre, solo tra il venerdì e la domenica sera c’è il rischio di un’apertura con un gap, ovvero di avere un prezzo differente tra chiusura e apertura. Nel mercato azionario, invece, questo rischio c’è giornalmente.

Lascia un Commento